54esimo Festival Teatrale di Borgio Verezzi: Maximilian Nisi in “Giuda”.

13 - 14 Agosto / ore 21.30 Teatro Gassman - Evento speciale.

Giuda racconta la sua verità. L’uomo che l’umanità intera ha messo sotto accusa esce dall’ombra per dare la sua versione dei fatti, riscrivendo i confini del suo rapporto con Cristo.

Il suo è stato solo un tradimento?

Il Giuda di questo testo non è solo un uomo del passato, ma rappresenta anche un’icona delle contraddizioni di quello contemporaneo. 

Cosa significa essere colpevole e le condanne sono per sempre?

“La scelta del soggetto nasce da una conversazione con Raffaella Bonsignori. Nel corso di un’intervista che mi fece due anni fa, in occasione del mio debutto a Borgio Verezzi con ‘Un Autunno di Fuoco’, accanto a Milena Vukotic; le confidai di avere un’idea riposta con cura in un cassetto: avendo interpretato, negli anni, tra le tante anche tre figure emblematiche della cristianità, Gesù, Giovanni Battista e S. Francesco, mi sarebbe piaciuto dar voce a un “cattivo” biblico. Inizialmente pensai al demonio tentatore, ma poi focalizzai l’attenzione su Giuda, il traditore. Il testo che, oggi, viene portato in scena è frutto di modifiche, tagli e stimolanti ragionamenti scenici fatti insieme a Raffaella nel corso di tanti incontri e di svariate letture è stato arricchito in seguito dalle suggestioni musicali di Stefano De Meo, dalle immagini evocative di Marino Lagorio e dai costumi di Tiziana Gagliardi. Tutti insieme uniti in un momento in cui il teatro ha bisogno di cura e di tutto il nostro amore”.

Maximilian Nisi

Giuda.

Un uomo.

Capace di amare ma come, purtroppo, spesso si riducono ad amare molti esseri umani, con la loro innata imperfezione: il loro è un amore-possesso, vissuto guardando allo specchio solo i propri sentimenti e il proprio desiderio di essere, per gli altri, gli unici destinatari della loro attenzione, dei loro pensieri. Non si ammette alcuna condivisione, non si comprende un amore diverso da una catena che unisca indissolubilmente lo spirito di due esseri fino a fare sì che solo nell’ esistenza dell’uno l’altro trovi le motivazioni sufficienti per continuare a vivere.

Gesù.

Il figlio di Dio.

Maestro di amore ma di un amore universale, sublime, che Lui sa offrire a piene mani a tutti gli uomini capaci di comprendere i suoi insegnamenti e di seguirlo. Non c’è alcun vincolo esclusivo, in questo amore, è un amore universale, che dovrebbe affratellare, permettere a tutti gli uomini che ne abbiano volontà di affrontare le intemperie della vita riscaldandosi al focolare di uno stesso Padre. Non è un amore-possesso ma è un amore che, come un pane, si spezza in parti uguali per essere distribuito a tutti i commensali che di quel pane abbiano fame.

L’amore-possesso di Giuda incontra li messaggio di un Amore diverso, immensamente più grande, di Gesù Cristo e in quell’oceano infinito si perde, sente la propria inadeguatezza ma rimane prigioniero dei propri limiti terreni. Vorrebbe essere riconosciuto, avere un premio solo per il fatto stesso di esistere, una ricompensa per la sua devozione che lo porta a desiderare la vicinanza di un uomo che, pure, è lontano da quell’ipotesi di Messia che per tanti anni aveva vagheggiato. Non un leone capace di scacciare i romani dalle terre occupate con la loro protervia di conquistatori ma un “agnello” che percorre una strada impervia che lo porterà ad un’ inevitabile sacrificio finale. L’amore di Giuda non comprende tutto questo, vorrebbe da Gesù quelle risposte che l’uomo Giuda, inutilmente, chiede a suo Padre, quel Dio di cui soffre terribilmente la presenza-assenza. Eppure potrebbe anche accettarlo, in cambio, però, di essere amato come lui pretende, con una forza unica, esclusiva, più del prediletto Giovanni, più di Pietro, che pure per amore di Gesù potrebbe anche uccidere.

Dalla disillusione cocente di questo suo desiderio di essere amato come lui vorrebbe, non “come” gli altri ma “più” degli altri, nasce poi, dentro l’animo di Giuda, il risentimento feroce che lo porterà al tradimento, alle trenta monete lorde del sangue di Colui che, pure, tanto amava. Certo, c’è anche l’ineluttabilità di un disegno divino dietro tutto questo, Giuda sente che, in qualche modo, quello che ha fatto gli è stato chiesto: ma dentro la sua tragedia non si può dimenticare la forza devastante che ha avuto quell’amore disilluso che per lui era diventato più importante della sua stessa vita e che lo trascina ad agire come lui non avrebbe mai voluto. Nel suo tormento interiore, Giuda è un’icona delle contraddizioni dell’uomo moderno, tanto fragile che, a volte, si smarrisce nella sua ricerca di amore e finisce per commettere delitti persino peggiori di quelli che gli suggerirebbe l’odio.

Maximilian Nisi

Giuda 

di Raffaella Bonsignori

a cura di Maximilian Nisi

musiche Stefano De Meo

video art Marino Lagorio

costumi ed elementi scenici Tiziana Gagliardi 

aiuto Paola Schiaffino

coordinamento Cristina Ferrazzi

si ringrazia per la collaborazione la Sartoria Farani di Roma

13 – 14 Agosto  / ore 21.30

Teatro Gassman – Evento speciale 

Info: 019 610167

festivalverezzi.it

apertura prevendita mercoledí 15 Luglio 2020

Foto Maximilian Nisi: Azzurra Primavera

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*