A “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek il Premio Strega 2018.

Nella superba cornice del Ninfeo di Villa Giulia a Roma è stato assegnato il “Premio Strega” 2018, il più prestigioso premio letterario d’ Italia, giunto alla sua 72° edizione.

Helena Janeczek

Il premio, istituito dalla Fondazione Bellonci, è stato vinto dalla scrittrice di origine tedesca (è nata a Monaco di Baviera) ma da trent’anni residente in Italia, Helena Janeczek con il libro “La ragazza con la Leica”, per le edizioni Guanda, che ha raccolto 196 voti avanti al favorito della vigilia, Marco Balzano con “Resto qui”.

Il libro vincitore, a buona ragione, può dirsi un romanzo storico, in quanto ripercorre tutti gli sconvolgimenti che colpirono l’Europa prima della seconda guerra mondiale attraverso la figura centrale di Gerda Taro, la prima fotografa di guerra caduta sul campo e stretta amica dell’altrettanto noto fotografo Robert Capa. E’ dunque un romanzo biografico che però, con uno sguardo retrospettivo, si lega ai fatti e alle persone incontrate dalla protagonista in un intreccio affascinante tra romanzo sociale e romanzo di interiorità, tra lotta contro la sopraffazione e momenti di amore.

Il libro è rientrato anche nella cinquina finalista del “Premio Campiello” anche qui con buone probabilità di successo.

Può ben dirsi che quest’anno anche il “Premio Strega” sia stato un evento “al femminile” con tre donne tra i cinque finalisti e, soprattutto, per i temi trattati che hanno avuto per oggetto la memoria ricercata in tutte le sue forme, soprattutto attraverso personaggi femminili che elaborano la memoria storica del recente passato; è, infatti, solo l’11° volta su 72 edizioni che il premio è stato vinto da una scrittrice donna e l’ultima era stata Melania Mazzucco nel lontano 2003 co il romanzo “Vita”.

Ed è stata anche una vittoria degli editori medio-piccoli come Guanda, il cui Presidente, Luigi Brioschi, ha sottolineato come la sua casa editrice abbia fortemente creduto nel romanzo fin dalla prima lettura. A sua volta il Presidente della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine, ha ricordato che, oltre al Premio Strega, la Fondazione stessa svolge nelle scuole e in favore dei giovani numerose iniziative con incontri e dialoghi con gli autori per stimolare il loro interesse alla lettura.

Numerosi gli invitati presenti, tra cui la scrittrice Dacia Maraini, Paolo Cognetti, Premio Strega 2017, lo scrittore Francesco Piccolo, il giornalista Gianni Bisiach e tanti altri.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*