Akram: “Credete in voi stessi e qualcuno sicuramente si accorgerà di voi”.

Mirko Pellicane ci ha raccontato di questa realtà musicale che sta vivendo un momento glorioso dopo che lo scrittore Nicola Mazzariello, nel suo ultimo libro, che verrà presentato alla Fiera del Libro di Torino il 12 Maggio prossimo, parla degli Akram in un intero capitolo.

Stamane LF vi racconta di una band, o meglio, di un vero e proprio progetto musicale, come tiene a chiamarlo il leader e fondatore Mirko Pellicane, intervistato per spiegarci questa originale realtà. Realtà che racchiude in sè tutto il calore, le sonorità, la vivacità della regione da cui ha origine, la stupenda Sicilia, mescolata ad echi arabeggianti, che rendono tutto molto vivido e denso di passione al suono dei ritmi del pop/rock.

Mirko Pellicane nasce bassista e seconda voce dei Franima, band prodotta dal chitarrista Vincenzo Mancuso, (Produttore e arrangiatore di Francesco De Gregori, Renato Zero, Luca Barbarossa).
Nel 2007, Mirko decide di dedicarsi quasi completamente alla cura della voce e insieme a Claudio Inguaggiato (Batterista), fonda appunto gli Akram.
Il nome è un chiaro riferimento al mondo arabo e a “Mamma Africa”. Il significato è “Generosità o il più generoso” e la scelta è stata dedicata all’immensa affinità che intercorre tra la loro terra, la Sicilia, ed appunto la cultura del continente confinante.
Consolidatasi ed affiatatasi, insieme ai restanti componenti, nel 2009 la band parte alla volta del territorio Milanese dove ha avuto modo di conoscere e collaborare con musicisti di grande prestigio come Patrix Duenas (bassista e percussionista di Edoardo Bennato) che ha inciso le percussioni in un brano del Disco “Carpe Diem”, Luca Volontè (sassofonista di Baccini e Grignani), Gabriele Lorenzi (tastierista di Lucio Battisti nella Formula3), Graziano Rampazzo (batterista di Eugenio Finardi), e di impegnarsi attivamente nel sociale collaborando con organizzazioni nazionali e internazionali di beneficenza quali “Emergency” e “AISM”.
In concomitanza con gli impegni concertistici, la Band termina prima la produzione di un EP con 4 brani inediti e poi nel 2011 un intero lavoro discografico prodotto artisticamente e interamente nei propri studi Milanesi da Massimo Vecchi ( Bassista e Voce dei NOMADI), in cui lo stesso si rende partecipe incidendo alcuni duetti con la voce del gruppo e la parte di basso in un brano.
Oltre ad aver aperto concerti ai Nomadi, Irene Fornaciari e Cisco Bellotti, la band si propone in tour con la partecipazione dello stesso Massimo Vecchi, il quale si cimenta vocalmente in diversi brani dei Nomadi rivisitati e riarrangiati in stile Akram, nonché di Patrix Duenas alle percussioni e Luca Volontè al sax.
Lo spettacolo Akram è una pura miscela di sensazioni donate da testi e musiche inedite che evidenziano l’amore e il rispetto per la vita, la voglia di un mondo migliore, il rispetto verso tutte le etnie, che si accoppiano con la scelta di rivisitazioni di famosi brani di autore tra i più grandi artisti italiani.
Da due anni circa, gli Akram aprono l’ennesima collaborazione artistica importante con Franco Caforio, batterista storico dei Litfiba e di Piero Pelù. Il 12 Gennaio 2015, è ufficialmente in uscita il terzo singolo della Band “Differenze”. Distribuito su tutti gli store digitali a livello mondiale e prodotto artisticamente da Massimo Vecchi (Nomadi) con la partecipazione straordinaria alle percussioni di Lorenzo Patrix Duenas (bassista e percussionista di Edoardo Bennato).
La band, il 15/16 e 17 Maggio 2015 è stata presente con il videoclip “Differenze”, alla FIM Fiera Internazionale della Musica di Genova.
Attualmente Mirko Pellicane ha intrapreso un percorso sperimentale insieme a Gabriele Lorenzi (Tastierista e Fondatore della Formula 3) ed Antonello Falorni (Bassista storico per la RCA Italiana), fondando la FORMULA 2016.
Parallelamente la band si sta dedicando alla Pre-Produzione di un nuovo Album, insieme a Claudio Inguaggiato (Batterista), Antonello Falorni (Bassista) e Domenico “Mimmo” Inguaggiato, attuale batterista dei Kachupa e dei MANOLOCA.

Raccontateci un po’ i vostri esordi…

“Il nostro può considearsi più un progetto musicale. Abbiamo iniziato nel 2007 con una formazione originaria tutta siciliana. Siamo riusciti ad autofinanziarci con molti sacrifici, un singolo, “Realtà distorte”, grazie al quale poi, Massimo Vecchi, cantante e bassista dei Nomadi, si è interessato al nostro prossimo progetto, proponendoci di creare altre canzoni… Abbiamo così composto qualche brano e lui ci ha regalato due sogni, la produzione di un Ep e di un album intero dal titolo “Carpe diem”, uscito su tutte le piattaforme. In questo album troviamo sia la produzione artistica che la collaborazione musicale di Massimo Vecchi, con un duetto assieme a me, ed un singolo “Differenze”, dai suoni arabeggianti con le percussioni di Patrix Duenas che è il bassista e percussionista di Edoardo Bennato. Una grandissima esperienza per noi che ci ha dato modo anche di aprire i concerti dei Nomadi e di Irene Fornaciari.”

Come siete stati accolti dal pubblico?

“Diciamo che fino ad oggi un pomodoro non ce lo hanno ancora tirato (ride N.d.r.)…parto sempre da questo presupposto….e se a questo si aggiunge l’attenzione di chi ti sta ascoltando, significa che hai fatto un buon lavoro. Gli inediti comunque hanno sempre un impatto diverso rispetto ad una cover.”

Qual’è il vosto genere musicale?

“Il nostro disco è Pop-Rock, un po’ più rock però. Ora stiamo facendo un lavoro nuovo con la collaborazione di altri due elementi…”

So che avete appena ricevuto una importante notizia. Ce ne parli?

“Sì, abbiamo appena ricevuto una bellissima notizia….Lo scrittore Nicola Mazzariello, che è già uscito con 4 libri, nel suo ultimo libro, che uscirà a Novembre e verrà presentato alla Fiera del Libro di Torino il 12 Maggio prossimo, parla di noi in un intero capitolo, ispirato alla nostra canzone “Il mondo delle streghe”… è una cosa davvero stupenda, una grande soddisfazione.”

Da quanti elementi è composto il vostro gruppo?

“Diciamo che non c’è un numero prestabilito. Durante i nostri live talvolta siamo in 4, altre in 5. Ora come ora il progetto acustico lo sto portando avanti io, per cui al momento non possiamo definirci una band. Io la chiamo più una banda.”

Progetti futuri?

“Stiamo lavorando al nuovo album, quindi stiamo chiusi negli studi di registrazione per far uscire al meglio questo nostro lavoro in autunno. Un paio di etichette discografiche, abbastanza rinomate, hanno manifestato interesse a riguardo, poi loro decideranno, una volta che gli sottoporremo il lavoro.”

Concludendo?

“Come dico sempre “Volere è potere”…tornando al discorso di prima riguardo al libro di Mazzariello, se c’è qualcuno che davvero crede in te non ti chiede neppure un euro. Purtroppo esistono ancora dei produttori e delle etichette discografiche che si fanno pagare, normalmente dovrebbe essere il contrario…Invece, tristemente, prima ti chiedono i soldi e poi ti ascoltano…Il messaggio che tengo a lanciare è questo: “credete in voi stessi e qualcuno sicuramente si accorgerà di voi”. “

1 Commento su Akram: “Credete in voi stessi e qualcuno sicuramente si accorgerà di voi”.

  1. Nicola Mazzariello // 3 maggio 2018 a 13:17 // Rispondi

    La musica, le canzoni…. sono come leggere un libro, una storia, un momento. Ne rimane sempre una traccia.
    IL MONDO DELLE STREGHE è una canzone che ho voluto inserire nel mio prossimo libro, per quella verità che da sempre, positivamente o negativamente, si riscontra al giorno d’oggi.
    Bene e Male come bianco e nero, luce o oscurità, buono e cattivo.

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. “Differenze” ,il nuovo singolo degli Akram | MadonieLive.com

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*