Anna Marcello: “Amo l’arte in tutte le sue forme”.

LF ha incontrato l'attrice partenopea in occasione della imminente uscita del film "Credo in un solo padre", diretto da Luca Guardabascio, che la vedrà fra le illustri protagoniste.

Anna Marcello nello scatto di Carlo Bellincampi

Le sfilate di Altaroma rappresentano sempre un momento interessante per apprezzare quello stilista o l’altro, per ammirare, in anteprima, outfits ed accessori che per noi donne, diciamolo, rappresentano istanti di pura gioia. Sono anche occasione per incontrare amici ed artisti vari. Ed è proprio in una di queste serate che mi sono imbattuta nella bellissima attrice partenopea, Anna Marcello. Sguardo sorridente e diretto, chioma castana fluente, bellezza mediterranea, Anna si è subito resa simpaticamente disponibile.

Trasferitasi a Londra, da circa 8 anni, per proseguire la carriera cinematografica iniziata in Italia, Anna Marcello, dopo una formazione a tutto tondo, ha iniziato a lavorare sia per il cinema che per la televisione, con ottimi riscontri.

Al momento si sta dedicando alla promozione della sua ultima esperienza cinematografica che la vede protagonista, nel film “Credo in un solo padre”, diretto da Luca Guardabascio, girato nella Masseria Casella e che certamente riuscirà a conquistare l’attenzione del grande pubblico. Il film, tratto dal libro “Senza far rumore” di Michele Ferruccio Tuozzo, tratta di una storia realmente accaduta nel nostro territorio e legata, purtroppo, alla violenza sulle donne e all’omertà, raccontando in modo diverso quella che di fatto è una storia tristissima e durissima.

Un’attrice impegnata quindi, Anna, e di grande talento, che oltre ad avere vari interessi, possiede una vita colma di sogni e progetti da realizzare…

Carissima Anna, sei un’attrice partenopea, che però vive nella bellissima Londra…Opportunità maggiori immagino?

“Ciao Loredana… Sì, ormai sono 8 anni che vivo tra Roma e Londra… combinazione perfetta. Parliamo di una città internazionale e come tale, in tutti i campi, ci sono più opportunità. Per il cinema è diverso, loro puntano all’incasso, business e qualità. A loro non importa chi sei ma quanto vali e quanto puoi far incassare. Gli inglesi sono molto diffidenti, poche chiacchiere e tanti fatti. Sono molto fiera di aver intrapreso questa scelta dato che questa città mi ha riservato e mi riserva tuttoggi grandi belle opportunità.”

Ti sei inserita bene nel contesto “conservatore” dell’ Inghilterra?

“Da partenopea è stato molto difficile inizialmente, ma ora sono molto contenta.”

Stai ultimando, in veste di protagonista, le riprese del film “Credo in un solo padre”….una storia molto impegnata da quanto so…

“Sì, esatto. E’ un film ambientato negli anni 70, diretto da Luca Guardabascio, tratto dal libro di Tuozzo Michele Ferruccio e prodotto dall’Around Culture s.r.l. Tratta la violenza sulle donne e anche quella domestica. Io interpreto Maria, una donna che non solo subisce violenza, ma lotta anche contro l’omertà della gente del paese. E’ un film che fa riflettere molto.”

Quando hai capito che quella di attrice era la tua strada?

“Da piccolissima, neanche lo ricordo. Ho avuto sempre la vocazione che man mano aumentava sempre di più.”

Sei stata protagonista dell’horror “The tomb”, per la regia di Bruno Mattei, per il quale hai vinto il premio come miglior attrice protagonista all’Archeo Trash Film Festival. Che esperienza è stata?

“E’ stata l’esperienza cinematografica più inverosimile che io abbia mai fatto. Ricordo con grande affetto il mitico Bruno Mattei.”

C’è qualche attrice a cui guardi maggiormente come fonte di ispirazione?

“Mi piace molto come lavorano: Frances McDormand, Charlize Theron e Sally Cecilia Hawkins.”

Hai lavorato anche con registi italiani come Federico Zampaglione dei Tiromancino (“Nero bifamigliare”) e con Roberto Faenza (“I vicerè”)…ci lasci un pensiero su di loro?

“Zampaglione era al suo primo film da regista ed è stato bravissimo a dirigermi, Faenza un bravissimo professionista. Li ricordo con grande stima.”

La tua famiglia quanto ha contato nelle tue scelte artistiche?

“Poco o nulla.”

Si sono appena concluse le numerose sfilate di Altaroma… Hai avuto modo di vederne qualcuna? Cosa te n’è sembrato?

“Amo moltissimo la moda e sfortunatamente o fortunatamente sono stata molto impegnata, sono riuscita ad essere presente solo a quella dedicata a Mondo Solidale Onlus di Jamal Taslaq.”

Ma Anna Marcello che ragazza è? Cosa le piace fare quando non lavora?

“Mi piace la semplicità, sono una persona molto attiva e curiosa. Adoro viaggiare, stare con gli amici veri con cui confrontarmi e amo l’arte in tutte le sue forme.”

Lo chiedo spesso ai miei intervistati….hai un aneddoto da raccontarci legato alla tua professione?

“Ogni lavoro mi lascia sempre dentro qualcosa di speciale, quindi sarebbero troppi da raccontare, o meglio, se ne racconto uno potrebbe rimanere male qualcun’altro che non ho citato. Meglio lasciare te nella curiosità che, raccontarne solo uno.”

Progetti futuri?

“Da buona partenopea superstiziosa posso solo dirti che ce n’è più di uno.. incrociamo le dita.”

Concludendo?

“Ti saluto con questa frase di Confucio che dice: “La nostra gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta.” Un grossissimo abbraccio e spero a presto.”

Grazie a te Anna, di vero cuore, per questa chiacchierata!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*