Beltrami: “usate la musica, oltre ad ascoltarla.”

"Punti di vista" l'ultimo cd di questa band formata da cinque giovani talenti che raccontano l'amore, l'amicizia, i rapporti tra persone e cose, lo spazio ed il tempo!

Un gruppo di giovani di talento, diversi tra loro, per esperienze ed influenze musicali, che un giorno hanno deciso di riunirsi e formare una band! “Beltrami”, questo il loro nome! Il gruppo nasce dall’idea di Giampiero Jum Troianiello che ha firmato “in solitaria” l’Ep d’esordio ”Scrivere Storie” nel 2009. Nel Settembre 2011 Pasquale Omar Caldarelli e Carmine Franzese, condividono il progetto, così i “Beltrami” divengono ufficialmente un gruppo. Esce “Ditelo ad Annie”, il secondo EP. 
Da qui, un anno di live in giro per la Campania e la partecipazione a due contest regionali: l’Hinterland Music Festival 2012 e il Nano Contest 2012, classificandosi rispettivamente secondi e primi.
“Un lungo discorso sui ‘momenti’, sugli stati d’animo, narrati quando tutto sembra lasciare l’urgenza di guardarsi dentro e raccontare storie osservando da vicino, prima, e guardando il mondo fuori un attimo dopo. In musica e parole.” Questa la “dichiarazione d’intenti” del gruppo.
Nel Settembre 2012, i Beltrami entrano in studio per le registrazioni di “Intorno”, il primo disco, con la collaborazione di Pasquale Ambrosio al sassofono, Giovanna Moro ai violini e Roberto Angelini, lapsteel e voce in “Prima o poi”.
Il 24 Aprile 2013 “Intorno” (Bulbartworks) viene presentato al pubblico, insieme al video di “Eureka!”, primo singolo estratto (al quale seguiranno “Tu, il mare” e “Un Aquilone”).
I Beltrami si “abbandonano” completamente al suono fluente delle chitarre che utilizzano come un veicolo per trasmettera energia, forza, eleganza…colori, che manifestano attraverso i 10 brani che compongono il primo disco ufficiale della band. Colori portanti che strizzano l’occhio allo swing’n roll e allo stesso tempo al rock, con una naturalezza che prende forma nella contaminazione dei diversi background di formazione e ascolto dei musicisti, ma che sanno addolcirsi nei momenti più intimi ed acustici, accompagnati sapientemente dagli intensi violini di Giovanna Moro, dai funambolici soli del sax di Pasquale Ambrosio e, in una delle tracce, dalla voce e la lapsteel di Roberto Angelini.
Alla fine del 2014 iniziano ufficialmente i lavori per il secondo disco della band. “Punti di Vista” esce il 22 Gennaio 2016 per Suonivisionirecords.

Giampiero Jum Troianiello ci ha raccontato un po’ i loro ideali, i desideri ma, soprattutto, il loro modo entusiastico di fare musica!

“Parlateci un po’ di voi, come è nata la band?”

“La band è nata da un’idea di progetto solista di Giampiero, diventato band a partire dal primo live. Suoniamo insieme dal 2009, da allora un ep e due dischi.”

Che tipo di musica suonate?”

“Suoniamo musica leggera italiana, molto legata al cantautorato con richiami al pop e al rock che da cui siamo stati tutti influenzati, in modo e maniera diversi. Di solito riassumiamo tutto con il termine “pop” e lasciamo agli altri lo “spazio” per collocarci dove più ritengono opportuno.”

Vi siete mai ispirati a qualcuno per la vostra arte?”

“Ci siamo sicuramente lasciati “influenzare” da molti artisti, da moltissime canzoni. Siamo in cinque, ognuno con un percorso musicale e con ascolti diversi. Per fortuna, siamo riusciti a far convergere tutto in un’unica direzione.”

Qual è il messaggio più importante che vorreste diffondere attraverso la vostra musica?”

“Ci piace riflettere sui rapporti, sulle cose che ci accadono ogni giorno. Ci piace pensare che la musica possa essere un amico e che la canzone possa essere il consiglio, lo spunto per quella risposta che cercavamo da tempo. Il nostro messaggio è, quindi, “usate la musica, oltre ad ascoltarla.”

Voi cantate anche di uguaglianza e diritti…pensate sia possibile un giorno, tutto questo, dati i momenti sofferti che il mondo sta attraversando?”

“Non abbiamo perso la speranza che possa succedere, sì. Anche se a volte è dura da farsela bastare, come motivazione, di fronte a tutto quello che siamo costretti a vedere o a subire, a partire dalla nostra vita quotidiana fino alle nostre passioni, al nostro lavoro. Però fare musica significa anche essere dei romantici che, ancora, credono alla parte “bella” delle cose.”

Parlateci del vostro ultimo disco “Punti di Vista”…”

““Punti di vista” è un disco che parla di rapporti, di ogni genere e tipo. Rapporti tra persone e tra persone e cose, spazio, tempo. Abbiamo usato l’amore, lo abbiamo molte volte e spesso lo abbiamo fatto come pretesto per raccontare altro. Che poi, come sempre, ognuno ci fa quello che vuole con le canzoni.”

Dove vi esibite di solito?  Date in programma?”

“Abbiamo avuto il piacere e la fortuna di portare abbastanza spesso in giro per la Campania il nostro secondo disco in questi primi mesi di promozione. L’obiettivo della seconda parte di promozione live è uscire fuori dai confini regionali e portare la nostra musica in quanti più posti possibili.”

Qual è, secondo voi, il VERO artista per antonomasia?”

“Il vero artista è…l’Artista. Quello che viene individuato anche da chi non è del mestiere o del settore perché il suo carisma e il suo talento arrivano, arrivano prima di tutto. Te ne accorgi perché sai che un altro non potrebbe fare o essere così. E se poi ti piace quello che fa o quello che è, tutto assume un valore ancora più alto.”

Concludendo?”

“Concludendo vi ringraziamo per questa piacevole chiacchierata. Cercate di sostenere sempre la musica indipendente e passateci a trovare sulla nostra pagina Facebook www.facebook.com/beltramiband

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*