“Bob Krieger imagine. Living through fashion and music. ’60 ’70 ’80 ‘90”.

Proseguirà fino al 30 Giugno 2019, al Palazzo Morando di Milano, la mostra del fotografo Bob Krieger, collezione privata di fotografie realizzate per campagne pubblicitarie dei più grandi stilisti del Made in Italy rappresentati da famose top model in tutto il mondo con eleganza e raffinatezza.

In the photo: Bob Krieger

La mostra “Bob Krieger imagine. Living through fashion and music. ’60 ’70 ’80 ’90” è stata inaugurata, a Palazzo Morando, l’8 Marzo e vi proseguirà fino al 30 Giugno. L’esposizione riguarda il protagonista della fotografia di moda internazionale ed è promossa dal Comune di Milano | Cultura e Direzione Musei Storici. Patrocinata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana e organizzata dalla MGV Communication. Il progetto di allestimento è firmato dall’architetto Carlo Colombo e curato da Maria Grazia Vernuccio.

Le opere esposte sono selezionate dalla collezione privata di Bob Krieger e risalgono al periodo che va dagli anni ’60 agli anni ’90. Momento storico di fondamentale importanza per la moda Made in Italy. Il ’76 è infatti l’anno in cui Vogue America scrive “Italians are coming!”. L’America in quel periodo apprezza ed elogia i geni creativi della moda italiana, garantendo loro un successo inedito e assicurato.

Krieger si afferma in questo periodo come autore di copertine e corrispondente del Time Magazine. Il fotografo, difatti, ha il merito di aver documentato l’affermazione delle eccellenze italiane nel mondo. Inoltre, ha segnato un’epoca con i suoi lavori nell’ambito della moda e del costume a livello mondiale.

Nell’esposizione sono presenti gli scatti delle campagne pubblicitarie dei top brand italiani: Armani, Ferrè, Missoni, Valentino, Versace, Gucci e poi ancora Biagiotti, Fendi, Dolce & Gabbana.

“A Palazzo Morando riviviamo la nostra storia e la nostra identità in una straordinaria sequenza ravvicinata in grado di restituire le radici ed i traguardi della grande moda milanese e italiana. Ma anche del nostro costume, dei nostri stili di vita e della loro evoluzione” afferma il Sindaco di Milano Giuseppe Sala. Il primo cittadino, inoltre, definisce Krieger un vero e proprio interprete del suo tempo. E non sbaglia. Il fotografo merita di essere ricordato non soltanto per la competenza nel suo lavoro. Passione, lungimiranza e creatività sono le costanti della sua carriera internazionale. Le stesse caratteristiche sono presenti nella mostra che lo racconta a Palazzo Morando.

L’esposizione è interattiva. Sono in programma eventi e attività organizzati in collaborazione con Yamaha Music. Un programma esclusivo che prevede le esibizioni di artisti di fama internazionale in concerti di pianoforte con la tecnologia del “Silent Wifi Concert”. Tra gli artisti va segnalato Andrea Vizzini, pilastro dei silenti concert in Italia. Fiore all’occhiello dell’esposizione è il percorso polisensoriale. La riproduzione fedele del suono coinvolge udito e sguardo in un’atmosfera suggestiva. Il visitatore è circondato da melodie e da immagini iconiche che gli permettono di vivere il periodo storico raccontato dalla mostra.

Foto: Nick Zonna

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*