“Chat a due piazze”: l’amore ai tempi di Internet.

Proseguiranno fino al 6 Gennaio le repliche di questa esilarante commedia firmata Ray Cooney, che vede in scena Antonio Pisu e Gianluca Ramazzotti, diretti da Fabio Ferrari.

Andare a teatro e trascorrere due ore di sano divertimento, è davvero un dono impagabile, inestimabile! E’ accaduto al teatro Roma, dove Martedì 4 Dicembre ha debuttato un collaudato e glorioso spettacolo, “Chat a due piazze”, divertentissima piece del celebre commediografo e drammaturgo inglese Ray Cooney (Caugh in the net), già campione d’incassi a Londra e Parigi.

“Chat a due piazze” è il seguito della famosissima commedia “Taxi a due piazze” ed è interpretata da Gianluca Ramazzotti, Antonio Pisu, Alessandra Cosimato, Sara Adami, Giorgia Di Nicola, Marco Todisco e Paolo Perinelli, per la regia di Fabio Ferrari, le scene sono di Nicola Cattaneo ed i costumi di Maria Vitta.

I riflettori sono puntati sulla vita apparentemente normale del tassista Mario Rossi (Antonio Pisu): un nome comune, uno tra i tanti. In realtà il signor Rossi è un maestro di bugie, sotterfugi ed espedienti; seguendo una precisa pianificazione di orari e turni di lavoro, per anni è riuscito a tenere in piedi ben due famiglie l’una all’insaputa dell’altra!

Infatti è sposato da vent’anni con Barbara (che vive in una casa a Piazza Irnerio) e allo stesso tempo con Carla (che vive in una casa a Piazza Risorgimento) ed ha anche due figli adorabili: Alice  e Giacomo. Mario, però, non ha tenuto conto che siamo nell’era di Facebook e i figli sono due adolescenti che tra una “chat” e l’altra stringono amicizia; quando decidono di incontrarsi la doppia vita di Mario va inesorabilmente in frantumi. A nulla serve l’aiuto del suo amico Walter (Gianluca Ramazzotti) costretto, suo malgrado, a tenere occultato il segreto.
In un finale progressivamente concitato con ben due colpi di scena, Mario capirà che spesso la realtà supera la finzione.

Divertente e frizzante commedia degli equivoci, come in tutte le farse di un maestro della comicità quale è Cooney, in “Chat a due piazze” vizi e debolezze umane danno lo spunto per creare un intreccio di situazioni irresistibili che finiscono per implodere una dopo l’altra. Telefoni che squillano, campanelli che suonano, porte che si aprono e si chiudono, gente che urla da una stanza all’altra, danno lo spunto per creare un meccanismo irresistibile di situazioni divertenti che innescano una girandola di equivoci, coincidenze e bugie,  scandite da un ritmo coinvolgente dove il divertimento è assicurato. Una commedia esilarante che in passato ha riscosso successo con la coppia Fabio Ferrari e Gianluca Ramazzotti, con oltre 400 repliche, ha visto interpreti come Johnny Dorelli e Raffaele Pisu. Proprio quest’anno suo figlio Antonio Pisu interpreta Mario il tassista, un ruolo che lo ha entusiasmato molto come lui stesso ha ribadito: “Sono molto legato a Chat a due piazze,  perché, oltre ad essere uno spettacolo fra i più divertenti che abbia mai fatto, con questa commedia, per la prima volta, ho recitato insieme a mio padre. Dieci anni fa interpretavo il ruolo del figlio, ora la mia parte è quella di Mario Rossi, il padre… un tassista bigamo che si ritrova con due famiglie, purtroppo il problema è che ora ci sono due figli che hanno Internet, le chat…si conoscono, hanno due cognomi uguali, e pure due padri con il medesimo nome…quindi con la curiosità che li caratterizza, decidono di conoscersi di persona. Così il padre appena ne viene a conoscenza, farà di tutto, grazie anche all’amico Walter che lo aiuterà, per non farsi scoprire. Del vecchio cast è rimasto Gianluca Ramazzotti (produttore e attore) e Fabio Ferrari, che in questa versione ha curato la regia, precedentemente affidata a Gianluca Guidi. Un giorno spero di poter interpretare il ruolo del nonno e, a giudicare dalla quantità di capelli bianchi che ho, potrebbe avvenire molto presto”.

Antonio, come riesce Mario Rossi, a districarsi da questa situazione?

“Fa molta fatica, il fatto di essere un taxista gli dà modo di regolarsi i turni e riuscire in qualche modo a destreggiarsi tra una famiglia e l’altra. Non si sa bene quando dorma, ma riesce a mantenersi tra le due famiglie per vent’anni!”

Fabio Ferrari, il regista della piece: “Questo spettacolo è un capolavoro di Ray Cooney, un regista straordinario che ha scritto tanti successi, uno in particolare, “Taxi a due piazze”, che è stato portato in Italia tanti anni fa ed ha avuto un grandissimo successo…e 20 anni dopo scrisse questo seguito che si svolge nell’era dei computer quindi adattando le situazioni della commedia degli equivoci, alla farsa ed al tempo attuale, noi gli abbiamo dato una ulteriore spolverata di modernità, perchè quello che era attuale 20 anni fa, oggi lo è già meno…La commedia è molto divertente, lo era 20 anni fa, adesso lo è ancora di più, si ride davvero tanto….Io l’ho interpretata tante volte con Gianluca Guidi, qualche stagione fa, ed in questa edizione il mio ruolo viene impersonato da Antonio Pisu che interpretava mio figlio nell’edizione precedente…”

Anche il co-protagonista della commedia, Gianluca Ramazzotti ha così spiegato il suo personaggio: “Io sono l’amico di Mario Rossi, vivo da solo, ho un papà e conosco il grande segreto di Mario. Vengo coinvolto dalla situazione facendo di tutto per non far incontrare i due ragazzi. Queste rocambolesche situazioni suscitano tante risate…il mio è il ruolo che aveva ricoperto Fabio Ferrari per ben 400 repliche in quasi 4 anni ed una ripresa televisiva per Rai 2… insomma una bella esperienza. E’ un capolavoro della farsa inglese portato ai nostri amici italiani, riadattando il testo in maniera tale che tutte le sfumature del divertissement inglese diventassero italiane. Difatti il pubblico si diverte molto con i giochi di parole e tutte le rocambolesche situazioni. Del resto oggi, con le famiglie allargate, questa cosa dei due blocchi familiari è comune a tanta gente, il pubblico si identifica e si ride anche per quello.”

Ci saranno altre tappe italiane dopo Roma?

“Solo Roma e Milano, perchè ognuno di noi aveva già altri impegni lavorativi e questa cosa la abbiamo decisa tardi nella stagione, ma sono certo che qualche tappa uscirà fuori, perchè c’è proprio affetto verso questa commedia, il seguito di “Taxi a due piazze”, i personaggi sono gli stessi, 20 anni dopo. Il pubblico sa che va a vedere una cosa garantita e di questi tempi è importante… per due ore si viene a teatro e non si pensa a nulla, tranne che a divertirsi. E’ una grande responsabilità, ma siamo riusciti, a Milano, a soddisfare le aspettative, pensiamo che saremo in grado di farlo anche a Roma dove non si metteva in scena dal 2013, quando lo facemmo al Golden ed in vari altri teatri. Siamo contenti di essere quì, perchè il teatro Roma ha le giuste dimensioni, 300 posti…e resteremo quì fin dopo le feste.”

“Chat a due piazze” è davvero uno spettacolo ben congeniato, strutturato in maniera sagacemente brillante in modo da far ridere, e tanto, senza quasi rendersene conto. Nelle due ore dello spettacolo, si scatena una girandola di bugie che vanno man mano ad ingigantirsi come uno tsunami. Un meccanismo comico perfetto, gli attori tutti bravissimi, nessuno escluso, in un vortice progressivo di tempi comici pazzeschi, complice il grande affiatamento della compagnia che si “respira” quasi fin dall’apertura del sipario. Una menzione speciale va a Gianluca Ramazzotti e ad Antonio Pisu che oltre ad essere due capaci interpreti, quì si dimenano in prove, oserei dire ginniche: corse, verticali e quantaltro…. a cui, in questa brillantissima edizione, danno un ulteriore giro di vite.

Se volete ridere, ma davvero fino alle lacrime, non perdetevi questa occasione…si replicherà fino al 6 Gennaio (a Capodanno due spettacoli) al teatro Roma.

 

Ufficio stampa Antonio Pisu – Lionella Bianca Fiorillo +39.340.7364203 – 06.36006880 – info@storyfinders.it Stefania Collalto +39.339.4279472 collalto@echogroup.it

Ufficio Stampa  – Teatro Roma  – Antonella Romano  – a.romanocomunicazione@gmail.com

tel. 347.6241485 –

 

TEATRO ROMA – Via Umbertide, 3  (P.zza S. Maria Ausiliatrice)  00181 Roma Tel. 06.785.06.26

www.ilteatroroma.it  – info@ilteatroroma.it

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*