Con “L’imbianchino” Martufello torna alla commedia degli equivoci.

Attualmente in tournèe in giro per l'Italia, la commedia di Donald Churcill che vede la regia di Claudio Insegno, arriverà nella capitale, dal 2 al 19 Maggio prossimo, al teatro Roma con tre protagonisti molto amati dal pubblico: Martufello, Manuela Villa e Nadia Rinaldi. LF ha incontrato l'attore Martufello per raccontarci un po' di questo esilarante spettacolo.

“L’imbianchino”, tratto da un testo del drammaturgo inglese Donald Churcill, è un testo di grande impatto comico, che nasconde anche un profondo spessore umano e psicologico. Un testo giocato su equivoci e qui pro quo, ricco di comicità e ironia paradossale, sospeso tra il meccanismo della farsa e una cifra grottesca che sconfina nel surreale. Una commedia capace di parlare con ironia delle paranoie e dei problemi dell’uomo di oggi. Sul palcoscenico un cast composto da tre artisti molto amati dal pubblico: Manuela Villa, Martufello e Nadia Rinaldi. La regia dello spettacolo è di Claudio Insegno, per una produzione della compagnia Palcoscenico Italiano.

La commedia inizia a casa di Marta Valenti (Manuela Villa), ricca e affascinante signora dell’alta borghesia, appena rientrata dalle vacanze trascorse con il suo amante. La presenza in casa di un imbianchino (Martufello) che deve finire un lavoro di tinteggiatura, rappresenta per Marta solo una scocciatura, che la spinge con freddezza e snobismo a trattare male il povero disgraziato. Lui, Walter, è un depresso al quale il destino non ha regalato nulla e fa parte di un gruppo di sedicenti attori, persone depresse come lui, che recitano per motivi terapeutici. Mentre la signora è in attesa che suo marito ritorni da un viaggio di lavoro, irrompe in casa Gilda (Nadia Rinaldi), la moglie del suo amante, che, decisa a vendicarsi per il tradimento di questi con Marta, annuncia che ritornerà quella sera stessa per raccontare tutto al marito di Marta. Sulla scena tre personaggi, tre caratteri a confronto, tre ossessioni diverse, tipiche della nostra società, per un finale a sorpresa. La commedia vuole raccontare la nostra epoca, dove viene data importanza soltanto a ciò che è esteriore, dove il valore della vita sembra si debba calcolare soltanto sulla base dei profitti che essa consente.
Abbiamo rivolto qualche domanda all’amico Martufello, durante le prove dello spettacolo che si sono svolte presso il teatro Agorà, una delle strutture più antiche nel cuore di Trastevere, che ci ha presentato così questa commedia degli equivoci:

“Questa è una commedia inglese di Donald Churcill ridotta ad un tempo unico. Una bella storia, molto divertente, che abbiamo molto italianizzato… del resto, portando”L’imbianchino” in Italia e a Roma non poteva essere altrimenti. Io interpreto questo imbianchino mandato a lavorare in una casa per rifare lo studio del marito di Marta Valenti (Manuela Villa), amante del marito di Gilda (Nadia Rinaldi)…Non posso spiegare molto di più altrimenti rischio di rivelare il finale, comunque, accadono situazioni davvero esilaranti. Spero che riesca bene, che piaccia, perchè sono abituato ad interpretare cose un po’ diverse…”

Nel secondo tempo cosa vedremo invece?

“Io farò i miei 10 minuti di gags, come solitamente accade al Salone Margherita, Manuela canterà 4/5 brani e Nadia un paio…un secondo tempo diverso…Sai, andando in giro per l’Italia, alcuni si aspettano da me qualcosa di diverso oltre alla commedia, da Manuela si aspettano la musica…quindi abbiamo deciso di accorciare ad un’ora e 10 la commedia e strutturare in maniera diversa il secondo tempo.”

E’ prevista una tournèe?

“Sì. Ora siamo appena stati a Gioiosa Ionica e a Filadelfia, poi l’8, il 9 e il 10 Marzo saremo al teatro Bracco di Napoli, poi, un giorno in provincia di Avellino ed uno a Torre del Greco, 3 giorni a Bologna, quindi ci fermeremo un pochino, perchè Manuela ha un impegno al Bagaglino di Roma, e dopo lo riprenderemo al Teatro Roma dal 2 Maggio fino al 19.”

Niente vacanze per te la prossima estate?

“No, le mie vacanze sono i miei tour nelle piazze che porto in giro da 45 anni… e poi speriamo di poter rientrare al Bagaglino dal prossimo Novembre.”

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*