Delicato (11/04/2018): Sarde con carciofi.

La sarda o sardina, appartenente alla grande famiglia del pesce azzurro, è in assoluto il pesce con la maggior quantità di acidi grassi Omega-3. Oggi vi proponiamo un piatto a base di questo toccasana per il nostro benessere.

Tra tutte le risorse che la Terra ci offre, il mare è sicuramente quella più grande, un’imponente distesa di acqua che vale alla Terra l’appellativo di “pianeta blu”. Un bene inestimabile che ci regala colori suggestivi, emozioni intense e, perchè no, anche una grande varietà di pesci. Aragoste, gamberi, cernie vantano tutti carni nobili, ma non bisogna dimenticarsi anche dei pesci poveri, dalle carni magre e dalla grande versatilità in cucina come sgombri, alacce, palamite e sarde. La sarda o sardina, appartenente alla grande famiglia del pesce azzurro, è in assoluto il pesce con la maggior quantità di acidi grassi Omega-3. Consumata regolarmente è un toccasana per prevenire malattie cardiache, sindromi infiammatorie e depressione. Come cucinarla? Come antipasto: sarde al forno, come primo: bucatini con le sarde o come secondo: sarde a beccafico o sarde con carciofi.

Passiamo quindi al nostro gustoso ed originale secondo piatto a base di sarde e carciofi.

INGREDIENTI:

16 sarde
4 carciof
mezzo bicchiere d’ olio
un cucchiaio abbondante di prezzemolo tritato
2 limoni
pane grattato
sale
pepe

Mondate i carciofi togliendo gambo, spine e le foglie esterne più dure, poi affettateli nel senso della lunghezza e metteteli in acqua acidulata col succo di un limone. Ungete una teglia con parte dell’olio e fate uno strato di fette di carciofi; salate e pepate. Pulite, lavate e asciugate con cura le sarde poi allineatele a corona sulle fette di carciofo. Insaporitele con un po’ di sale, irroratele con un filo di olio e cospargetele con un po’ di prezzemolo tritato e con qualche goccia di limone. Fate un secondo strato di carciofi e poi di nuovo uno strato di sarde, e condite ogni volta con olio, sale, pepe e prezzemolo. Infine cospargete la superficie di pane grattato. Mettete la teglia in forno caldo a 170° e fate cuocere per circa tre quarti d’ora. Quindi spruzzate con il succo del limone rimasto.

 



 

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*