Delicato (19/04/2019): Sarde fritte.

Le sarde fritte sono una ricetta tipica della cucina italiana di mare, una ricetta semplice e veloce preparata con un pesce povero come le sarde o sardine.

In Sicilia, a Palermo nello specifico, le sarde fritte vengono pulite e aperte a libro, messe a macerare nell’aceto e poi infarinate e fritte.

Per la loro forma, queste sarde vengono chiamate “sarde allinguate” in quanto ricordano la forma della lingua 😉

Devo dire che nella loro “povertà” le sarde fritte sono di una bontà estrema.

Ingredienti per 2 persone:

  • sarde: 500 gr
  • aceto di vino bianco: q.b.
  • semola di grano duro: q.b.
  • per friggere: olio d’oliva o olio di semi di arachide
  • sale
  • limone: per accompagnare

    Come fare le sarde fritte

    Pulite le sardine eliminando testa, viscere e lisca centrale.

    Mettete le sarde pulite in un piatto o vassoio e ricopritele con dell’aceto di vino bianco.

    Lasciate le sarde a marinare nell’aceto per 30-60 minuti.

    Trascorso questo tempo, scolate l’aceto.

    Prendete una padella e ricopritene il fondo con dell’olio d’oliva.

    Quando l’olio sarà caldo, infarinate le sarde nella semola e friggetele.

    Quando le sarde sono dorate da un lato, giratele dall’altro.

    Io, per prima, adagio sull’olio la parte della pelle e poi le giro.

    Scolate le sarde su della carta assorbente.

    Una volta pronte, mettete le sarde su un piatto da portata e salatele leggermente in superficie.

    Servite le sarde fritte con del limone.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*