Eleonora Altamore: la passionalità siciliana si mescola alla moda lussureggiante e sontuosa!

Si è svolta, Sabato 25 Giugno, nella prestigiosa Dimora L'Amuri la seconda edizione del "The day of the summer fashion and art" alla presenza di numerosi ospiti illustri ed amici della stilista.

In un Sabato decisamente “rovente” nella capitale, poter andare ai Castelli, zona ben più “ventilata” ci è risultato particolarmente entusiasmante! Se a questo si aggiunge una dimora da sogno…stile “Hollywoddiano” il gioco è fatto! La nota stilista siciliana, Eleonora Altamore, ottima padrona di casa, ha sapientemente dato vita ad una serata esclusiva di moda, arte, musica e solidarietà. Tutto nella splendida cornice della Dimora L’Amuri, a Monteporzio Catone, dalla vetta dominante sull’intera vallata, tanto adorata dai romani e non. Uno stuolo di illustri personaggi ed amici hanno reso omaggio a questa donna dallo straordinario talento! I suoi abiti raggruppati, da sempre, in collezioni che prendono spunto da un’epoca storica, da dive del cinema, o dalla sua amata terra di Sicilia, sono un tripudio di colori, pizzi, fiori, volant e materiali di pregio. Gli accessori e le pochette quasi ad “intrecciarsi” sui polsi o in mano a mo’ di rami, incastonati da pietre, foglie e fiori. Anche modelli squadrati, piramidali irregolari…unici, ad abbellire i variegati vestiti! La sfilata è stata un tripudio di vivacità…fiori a iosa, sensualità e “sapore” d’estate! “Aurore Floreali”, il nome della collezione, composta da sgargianti sfumature che riflettono sognanti shilouette femminili, che incedono lentamente, avvolte da preziosi tessuti di pizzi, tulle, sete e organze…brillanti, colorate, magiche, luminescenti, emozionanti, esaltazioni cromatiche, aurore boreali…Testimone nota, come da tradizione nelle sfilate Altamore, la bellissima ballerina e modella Mirella Limotta (in tv nel programma “I fatti vostri”) accompagnata in passerella dal modello italo-brasiliano Giuseppe Cantelmi assieme ad altre magnifiche modelle. Soprattutto noi donne, siamo rimaste affascinate da tanta originalità!

La serata è stata arricchita dalla presentazione frizzante e piacevole di Patrizia Pellegrino. L’attrice partenopea, bellissima, fasciata nel suo abito rosso firmato Eleonora Altamore, ha introdotto i vari ospiti: il critico d’arte Enzo Dall’Ara che ha dato così l’incipit alla serata – ‘La bellezza è simbolo del bene morale!’ È ricordando la frase di Kant che voglio avviare questa importante serata, sottolineando come eventi di questo genere, che possono sembrare frivoli a volte, riescano invece a farsi importante veicolo di supporto per realtà come quella dell’Assistenza Nazionale Tumori qui rappresentata questa sera.”  Il Dottor Marco Marinaccio dell’ANT (organizzazione impegnata a fornire assistenza specialistica domiciliare gratuita ai malati di tumore e a realizzare progetti di prevenzione oncologica) – “La nostra è essenzialmente un’assistenza medica, infermieristica e psicologica” – ha spiegato  – “l’assistenza viene erogata 24 ore su 24 e per 365 giorni all’anno. Con una disponibilità totale nel rispetto e nella dignità del malato e per condurlo, in alcuni casi, alla fase finale…Questo è il cuore della nostra realtà, ma l’ANT, già da anni, si occupa molto del tema della prevenzione, che è molto importante! E’ vero che negli anni la medicina ha fatto passi importanti e malattie che fino a pochi anni fa sembravano incurabili, oggi sono curabili, è anche vero, però, che la medicina più efficace, in particolar modo nel campo oncologico, una realtà ancora troppo fatale, è la prevenzione. L’ANT manda avanti da anni progetti di prevenzione già a partire dalla tenera età, perchè è importante inculcare fin da piccoli il concetto di uno stile di vita salutare. Il concetto di salute ci fa pensare ad un’assenza di malattia, mentre è fondato da un concetto ben più ampio di benessere che passa sì attraverso la salute fisica ma anche psichica e sociale. I progetti di prevenzione primaria si basano fondamentalmente sull’informazione, insegnando un corretto stile di vita alimentare, limitando l’uso di alcolici e fumo, l’esposizione al sole, i lettini solari, il cui abuso può causare più danno che benefici. Il nostro scopo è arrivare poi ad una prevenzione vera e propria presso i vari medici specializzati. La nostra fondazione organizza proprio sul territorio nazionale campagne di prevenzione con visite specialistiche in cui, prenotandosi per tempo, è possibile sottoporsi a visite gratuite, esami e controlli. Questa è la vera arma e sicuramente si può aggredire la malattia. Purtroppo la prevenzione e l’assistenza hanno un costo e le istituzioni locali, come le Asl, le ricoprono solo per il 20%! Il resto lo riceviamo tramite lasciti, donazioni, beneficenza, il 5 per 1000, che ci permettono di crescere.”

Dopo il dottor Marco Marinaccio è stata la volta dell’attore David Gramiccioli che ha recitato un pezzo intenso – “una storia di cui non si conosce neppure l’autore o si sono perse le tracce” – ha esposto Gramiccioli –  “una storia d’amore, di purezza ed arte, un sentimento nobile che alle volte ci vergognamo di manifestare! Piaceva molto a Gassman, il grande maestro Vittorio, ed anche all’ultimo dei grandi maestri, a Giorgio Albertazzi, piaceva a Prevert… E’ la storia di un attore che finì con questa recita l’ultimo spettacolo…ci fu l’applauso del pubblico, si inchinò, ringraziò, ed uscì nella notte. La cattedrale era ancora aperta e così entrò. Vi si introdusse, arrivando fino all’altare e lì si inchinò, invocando la grazia di Dio…Lo aveva fatto mille volte per la salute dei figli, per quella dell’anziano genitore, per tutte le piccole e grandi fortune della vita, ma mai una risposta. Ma quella notte Dio si presentò e gli chiese il motivo delle invocazioni…l’uomo gli disse “ti prego aiutami a dimenticarla, a strapparla dal mio cuore!” E Dio rispose: “non posso, l’amore è l’unica forza più grande di me.” Questa storia è stata ripresa da Prevert che ne fece una poesia e Picasso che ne realizzò un quadro….A testimoniare che se vogliamo specchiare il nostro aspetto basta davvero uno specchio, ma se vogliamo riflettere e dimostrare l’amore serve unicamente l’arte!”

A seguire una splendida cena con una torta monumentale da favola. Fontana di Trevi in primo piano con, finanche, acqua vera, offerta da Artistica Events Eventi d’Autore e da Eleonora Altamore Fashion e Luxury.

Un’asta benefica con un abito disegnato dall’artista Federico Heidkamp Gonzaga….tutto allietato dalla live music della “Tonino band”, e dalla cantante lirica Elena Martemianova.

Una serata magnifica, che ci ha lasciato tanto nello spirito ed ancor più nel cuore! Forti di presenze importanti quanto generose che amano da tempo Eleonora Altamore ed il suo stile inconfondibile!

Tanti gli ospiti intervenuti al Gala tra i quali: l’attore David Gramiccioli, l’avvocato “Di verdetto Finale” Manuela Maccaroni, la valletta de ‘I Fatti Vostri’ Mirella Limotta, la Direttrice del Museo Casina delle Civette di Villa Torlonia Maria Grazia Massafra, la fashion blogger Gisella Peana, la cantante lirica Elena Martemianova, l’imprenditore Tonino Boccadamo (Boccadamo Gioielli), il PR Francesco Caruso Litrico, Gabriele Carchella di ActionAid Italia, il critico d’arte Enzo Dall’Ara, il pittore Federico Heidkamp Gonzaga, le artista Patrizia Dalla Valle e Lorenza Altamore, il professor Antonio Paris, l’imprenditore Salvatore Paravia.

E per le giornaliste intervenute un delizioso cadeaux firmato Altamore!!!

Grazie alla Signora Eleonora Altamore ed al suo ufficio stampa Francesca Nanni!

Foto: Luigi Giordani

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*