Emanuele Bruno: “ho promesso a mia nonna che sarò alle prossime olimpiadi di Tokio 2020!”

Il giovane campione di Judo, impegnato nelle "fiamme gialle" ci ha raccontato il suo percorso da sportivo, la sua vita, la sua partecipazione ad un reality, in onda questa sera su Rai4, assieme alla nonna, scomparsa di recente!

I nonni! Chi non li serba nel cuore? E chi ha la fortuna di averli ancora, se li tenga ben stretti! Questi “genitori meno intransigenti”, novellieri di antiche tradizioni, di storie suggestive, la parte “buona” della vita!!! Personalmente porto i miei “avi” nel cuore, e non trascorre un solo giorno in cui non pensi a loro! Nostalgia…tanta! Tenerezza, gioia, amore, risate….Gli stessi ricordi che conserva Emanuele Bruno, ventitreenne atleta professionista di Judo del gruppo sportivo Fiamme Gialle, protagonista, questa sera, assieme alla nonna Lina, scomparsa di recente, nella seconda puntata del reality “Un week-end con il nonno” su Rai 4 alle ore 21.10. Il reality, attraverso le varie coppie, formate da un nonno e da un nipote, esplora il rapporto esistenziale fra due generazioni differenti. Emanuele è molto entusiasta per aver partecipato a questa esperienza televisiva insieme alla sua nonna. In proposito ha confidato di essere tremendamente rattristato di non poter vedere il programma insieme a lei e rivivere così quei momenti. Nel corso della puntata di questa sera, potremo vedere come nonna Lina si è messa in gioco insieme a lui per una lezione di judo e le sensazioni provate quando sono usciti insieme in limousine. Proprio in quest’ultima occasione Lina si è commossa tanto e le è scappata anche qualche lacrima di gioia. Emanuele Bruno ha aggiunto di aver fatto una promessa a sua nonna: riuscire a disputare le Olimpiadi di Tokyo del 2020. E noi crediamo che ogni promessa è debito…a maggior ragione se fatta ad un nonno!!!

Forza Emanuele!!!

Emanuele…Fiamme Gialle e Judo…. Com’è nata la passione per questa disciplina sportiva?

Il judo è una passione di famiglia. Mia madre ex judoka campionessa d’Italia, mia zia bronzo olimpico e campionessa del mondo, mio zio campione d’Italia e, come me, atleta delle fiamme gialle. Quindi, era inevitabile nascere sul tatami.

Credo che il judo, oltre ad essere uno sport, insegni anche un profondo equilibrio, la “correttezza” ed il rispetto….

Il judo, più che uno sport, è un’ arte marziale giapponese che insegna il rispetto delle regole e dell’avversario. Lo consiglio sempre ai genitori per i propri figli, poiché oltre alle innumerevoli tecniche che insegna come autodifesa, è un’ arte nobile che insegna ai piccoli a controllare la propria rabbia e la propria forza.”

Parlaci un po’ di questo reality “Un week-end con il nonno” a cui hai partecipato. Come ci sei “capitato”?

“Essendo già stato chiamato per altri programmi televisivi, mi hanno selezionato per fare una serie di provini, questa volta insieme a mia nonna, dato che il programma è un nuovo format che ha l’ intento di mostrare le differenze generazionali. In questa puntata, il pubblico potrà vedere me e mia nonna mentre viviamo ciascuno un po’ della vita quotidiana dell’ altro. Le risate e le emozioni sono assicurate, credetemi!”

…tua nonna, tra l’altro, è venuta a mancare da poco…!!!

“Esatto. Purtroppo, lei non sarà vicino a me a guardare il programma e a rivivere quelle belle emozioni provate insieme, ma so che lo guarderà da qualche altra parte e mi riempirà di parolacce, come faceva sempre. A parte questo, sono contento di averle regalato le ultime emozioni forti, grazie al programma, e di averla vissuta in maniera speciale fino alla fine dei suoi giorni.”

Un ricordo che ti è più caro della vita con tua nonna?

“Mia nonna era una grande cuoca. Ricordo che quando andavamo insieme nel suo paese di origine, in Abruzzo, preparavamo sempre il mio dolce preferito, cioè una torta alla crema di limone. Non scorderò mai le risate in cucina. Ricordo ancora la sua ricetta, ma quella torta non sarà più così buona come quando eravamo insieme a prepararla.”

In “che modo” guarderai stasera il programma?

“Lo guarderò insieme alla mia famiglia. In particolare, insieme a mia madre alla quale stringerò la mano per tutta la durata del programma!

Progetti futuri?

“Vincere il più possibile! Vincere le olimpiadi di Tokio 2020!

Hai fatto una promessa a tua nonna….ce ne vuoi parlare?

“La promessa che ho fatto a mia nonna è molto semplice. Le ho promesso che sarò alle prossime olimpiadi, ovviamente come protagonista.”

Come vedi oggi i giovani? Accolgono ancora entusiasticamente lo sport?

“Purtroppo, viviamo in un paese in cui lo sport, al di fuori del calcio, è un po’ accantonato. Vedo molti giovani che non fanno altro che fare tardi la notte, fumare, bere e non pensano minimamente all’attività fisica. Lo sport è vita, va praticato a tutte le età e consiglio vivamente, ad ogni ragazzo, di porsi un obiettivo e di provare a raggiungerlo, al di là del fatto che sia sportivo o meno, perché altrimenti sarà sempre uno dei tanti.”

Concludendo?

“In conclusione, spero che la puntata insieme a mia nonna sarà molto seguita in modo che tutti potranno ricordare nonna Lina e conoscere le sue qualità. Era così energica, forte, sorridente, ironica e con una grande voglia di vivere. Ciao nonna!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*