Facebook…questo “sconosciuto”!

Scorrendo nella Home page di uno dei Social Network più “popolati” al mondo, ed essendo, io stessa, un’assidua “presenza” ( anche per motivi di lavoro ) sulla pagina, sto notando, sempre più spesso, ed anche con una sorta di tristezza, che, ormai, questo, più che un divertimento, un “luogo” dove fare due “chiacchiere” tra amici, inserire dei link, “dosarlo” ed usarlo in maniera “leggera” e “sana”, sta diventando una sorta di piazza in cui, in modo scellerato, esporre le proprie vicissitudini! Sovente anche quelle molto personali….troppo intime! Frasi, buttate là, o veri e propri “botta e risposta” come una sorta di “contendenti”! Che sia tra amici, tra moglie e marito, tra genitori e figli, lo trovo davvero di uno squallore ed un cattivo gusto unici! Quando poi, uniti al turpiloquio, la “discesa” di livello è massima! Ma come si può, mi chiedo sempre più spesso, mettersi alla mercè delle persone in modo così plateale? Vomitare la propria rabbia e le proprie vicende private, in uno spazio che certo, di privato, non ha nulla! Siamo ridotti davvero “all’osso” se abbiamo l’esigenza di “svergognarci” in questa maniera orribile ed anche un po’ patetica! Oltretutto, Facebook “vede”, mi dissero una volta! Ma cosa esattamente vede??? Quando si bloccano, anche giustamente, per certi versi, commenti di orientamento politico o razzista, perchè potrebbero ledere il concetto di rispetto per il prossimo, mi chiedo perchè non si blocchino anche delle vere e proprie diatribe familiari, che potrebbero, anch’esse, a mio avviso, ledere chi legge! Soprattutto l’intelligenza, il buongusto, la civiltà e l’educazione che, fortunatamente, alcuni di noi, ancora posseggono! Scusatemi ma io mi indigno fortemente quando leggo squallide storie familiari, o di tradimenti, di amicizie interrotte, nelle quali ci si manda letteralmente a quel paese! Dov’è rimasta la buona educazione, l’incontro chiarificatore che si usava un tempo, per dirsi ciò che si pensava! Anche litigando, ma guardandosi! Questo è lo scadimento più totale e mi piacerebbe, su un Social, leggere di questioni belle, “leggere”, magari di teneri animali, o immagini di viaggi, di momenti felici! Certo, ognuno ha il diritto e la libertà di scrivere ciò che più ritiene giusto in quel momento ma ritengo, senza “mortificare” chi legge e che, magari, non ha voglia di assistere ad “Un giorno in pretura” o ad una puntata di “Forum”!

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*