Festa della donna….

Ogni anno, l’8 Marzo, si celebra la Giornata Mondiale della Donna, meglio nota come Festa della Donna. La maggior parte delle persone crede che questa giornata sia stata fondata in memoria di alcune operaie, morte in un rogo, nel 1908, in una fabbrica di New York. In realtà, questa giornata venne istuituita l’anno successivo, nel 1909, sempre negli Stati Uniti, ad opera del Partito Socialista Americano, che, il 28 Febbraio, diede vita ad una manifestazione per il diritto di voto alle donne. In seguito, tra il Novembre 1908 ed il Febbraio 1909, migliaia di operaie di New York, scioperarono per settimane, chiedendo un aumento del salario ed un miglioramento delle condizioni di lavoro. Così nel 1910, l’ ottavo congresso Socialista decise di istituire una giornata dedicata alla donna. La data che cambiò il corso degli eventi fu quella del 25 Marzo del 1911, quando nella fabbrica Triangle di New York, si sviluppò un incendio e morirono 146 operai, soprattutto donne. La data dell’8 Marzo entrò, per la prima volta nella storia, qualche anno più tardi, nel 1917, quando un gruppo di donne, scese in piazza a San Pietroburgo per chiedere la fine della guerra. Le delegate della Seconda Conferenza Internazionale delle donne comuniste a Mosca, scelsero come data per celebrare la giornata internazionale dell’operaia, l’8 Marzo. In Italia venne istituita nel 1922 e venne scelto come simbolo, la mimosa, perchè è l’unico fiore che sboccia a Marzo.

Considerando la vera origine di questa giornata, con il suo significato, mi chiedo, alle volte, cosa c’entrino i festeggiamenti, talora quasi “tribali”, oserei dire, che di fatto, annullano l’autentica e triste lotta di migliaia di donne per l’affermazione dei propri diritti e la parità sul lavoro. Orde di donne che si riuniscono e, come tante oche giulive ( lasciatemi passare il termine) “starnazzanti”, inondano locali, ristoranti…per assistere a dei patetici quanto improbabili streap-tease maschili. Donne che ci riportano indietro di decenni, ad uno stato di impoverimento dei valori e di quello che TUTTE dovremmo rammentare è l’ UNICO, VERO, significato dell’8 Marzo!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*