Francesco Branchetti con “Parlami d’amore” viaggia attraverso l’introspezione psicologica di coppia.

Il noto regista ed attore, debutterà il 10 Ottobre, al Teatro degli Audaci di Roma, con Nathalie Caldonazzo, in una piece di Philippe Claudel, in cui si parla di una coppia in piena crisi, attraverso una straordinaria e pungente ironia che attraversa tutto il testo e lo spettacolo.

Mi piace raccontarvi, attraverso queste “pagine”, degli spettacoli che, con cadenza regolare, mette in scena Francesco Branchetti, noto regista ed attore, nonchè amico, che si immerge totalmente in ogni ruolo che và ad interpretare di volta in volta.

Anche nel caso specifico, ha saputo cogliere l’essenza dei “mali” che affliggono i problemi delle coppie moderne, affrontandoli però, anche con una buona dose di ironia! Ed è proprio con questo spirito che il 10 Ottobre (domani) Francesco Branchetti debutterà assieme alla bellissima Nathalie Caldonazzo in prima assoluta nazionale con “Parlami d’amore”, un testo di Philippe Claudel tradotto da David Conati.

Lo spettacolo, anche magistralmente diretto dallo stesso Branchetti, narra le vicende di una coppia in crisi, un “viaggio” introspettivo in cui si alternano momenti di amarezza a momenti di ironia pungente che emerge per l’intera durata della piece. Il marito, è un uomo che ha creduto fino in fondo nei “falsi” valori che la società spesso ci propina, successo, soldi, immagine… e che quindi, ha affrontato il suo percorso lavorativo ed umano mettendo sempre questi valori al primo posto, con un risultato disastroso per quanto riguarda tutto ciò che è famiglia e rapporti umani. Lei è una donna che ha creduto all’uomo di cui era innamorata, gli ha creduto fino in fondo e ha messo in secondo piano sè stessa per la carriera di lui ma si ritrova con un rapporto ormai logoro in cui è molto difficile salvare qualcosa…

Lo spettacolo, che proseguirà fino a Domenica 20 Ottobre, troverà sicuramente il plauso che merita!

Francesco, è sempre un piacere riaverti tra le “pagine” di LF! A breve, debutterai, al Teatro degli Audaci di Roma, con l’emozionante spettacolo “PARLAMI D’AMORE” di Philippe Claudel, da te diretto e interpretato con Nathalie Caldonazzo…

“Sì, nello spettacolo si parla di una coppia che sta attraversando una profonda crisi e si racconta come possano sgretolarsi in poco tempo i punti di riferimento e le fondamenta di un rapporto. Si tratta di un “viaggio” nel “privato” di una coppia, condotto con grande capacità di introspezione psicologica ma anche attraverso una straordinaria e pungente ironia che attraversa tutto il testo e lo spettacolo.”

La scena vede l’alternarsi di momenti di grande ironia con altrettanti momenti di amarezza. In che modo riesci a far alternare questi passaggi?

“E’ la scrittura stessa di Philippe Claudel che mi aiuta in questo, nella sua straordinaria capacità di far ridere, di far divertire andando in profondità nelle situazioni, nei personaggi, nei rapporti con grande acume psicologico ma con una straordinaria leggerezza di tocco.”

Ti occupi spesso di testi che mettono in luce il rapporto tra uomo e donna nelle sfaccettature più vere… Più attuale?

“Sicuramente lo sfaldamento odierno del rapporto di coppia è alla base dello sfaldamento, secondo me, dei rapporti affettivi più in generale e in questi anni stiamo affrontando una crisi profondissima del rapporto tra essere umano ed essere umano ed affrontarlo in teatro all’interno della coppia, per quanto mi riguarda, è sempre stato molto, molto interessante e stimolante.”

Quant’è difficile discostarsi da quei comportamenti che ci identificano molto con una società abituata ad ‘etichettare’ un po’ tutto?

“È diventato difficilissimo, soprattutto oggi ed in una società in cui tra la forma e la sostanza c’è una confusione pressoché assoluta.”

Ci saranno anche musiche nello spettacolo?

“Sì, ci saranno musiche originali composte per lo spettacolo dal maestro pino Cangialosi.”

Com’è lavorare con Nathalie Caldonazzo?

“Molto gratificante per i risultati in scena ma anche per la grande professionalità.”

E’ prevista una tournèe?

“Sì, saremo in tournée in diverse città italiane.”

Tre motivi per i quali dobbiamo venire a vedere questo spettacolo!

“L’attualità del testo e dei temi trattati, la modernità dell’allestimento e mi auguro l’originalità delle interpretazioni.”

Concludendo?

“Vi aspettiamo tutti al teatro degli Audaci a Roma dal 10 al 20 Ottobre.”

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*