Giornata contro la violenza sulle donne…per dire: BASTA!!!

Oggi, 25 Novembre 2015, ricorre la giornata contro la violenza sulle donne! Drammatico ma vero, dover istituire una tale giornata…simbolo di innumerevoli vittime di stupri, barbarie, violenza psicologica! Segnale evidente che ancora molti…troppi reati di questo genere, continuano a manifestarsi in modo inaudito! Il 25 Novembre non è una data a caso….! E’ il ricordo di un brutale assassinio, avvenuto nel 1960, nella Repubblica Dominicana, ai tempi del dittatore Trujillo. Tre sorelle, di cognome Mirabal, considerate rivoluzionarie, furono torturate, massacrate, strangolate. Buttando i loro corpi in un burrone venne simulato un incidente!

Non sempre, non ovunque, le cose sono cambiate da quel giorno: basti pensare alle bambine dell’India che, quasi ogni giorno, vengono stuprate e uccise, ma anche a casa nostra, dove la violenza contro le donne è spesso nascosta in ambito domestico. Sottile, bieca, celata spesso per anni e, talvolta, preceduta da “violenza” psicologica, forse, in un certo senso più vigliacca ed ambigua, che va ad insinuarsi nelle “falde” della mente e lascia “cicatrici” profonde, devastanti, terribili: quelle dell’anima!

La Giornata è stata istituita dall’Onu dal 1999. La matrice della violenza contro le donne può essere rintracciata ancora oggi nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne. E la stessa Dichiarazione adottata dall’Assemblea Generale Onu parla di violenza contro le donne come di “uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini”. I dati dell’ Onu rivelano inoltre che il 35% delle donne in tutto il mondo ha subito violenza sessuale o fisica da parte del compagno o da altra persona e che i due terzi delle vittime di omicidio sono donne. Solo 119 Paesi hanno adottato leggi riguardanti le violenze domestiche e 125 sulle molestie a sfondo sessuale! Per non parlare delle ancora radicate differenze lavorative tra uomo e donna! Tra i disoccupati, sono le donne ad essere più penalizzate, e quelle che lavorano risentono ancora di una retribuzione inferiore rispetto all’uomo!

In Italia 6 milioni 788 mila donne hanno subito, almeno una volta, violenza sessuale o fisica, tra i 16 ed i 70 anni…quasi una su tre! E la situazione è in netto peggioramento ed anzi, aggravata ultimamente, dal fatto che ad assistere a queste violenze ci sono figli piccoli! Possiamo solo immaginare a che sorta di trauma andranno incontro queste inermi creature!

In aiuto di queste donne vi sono i Centri antiviolenza! Purtroppo non è ancora chiaro in che modo vengano usati dallo Stato, i fondi per queste associazioni. Ci sono molti lati oscuri su questo! In un rapporto presentato in occasione del convegno “Sulla violenza voglio vederci chiaro”, ne è emerso che solo le amministrazioni locali di Veneto, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Firenze e Pistoia, fanno sapere in modo chiaro e trasparente come utilizzano le somme da destinarsi a queste associazioni. Abruzzo, Valle D’Aosta e Basilicata, per via del numero esiguo di stutture presenti, hanno dati frammentari. Per tutte le altre regioni non si ha ben chiara la situazione!

C’è da dire che in Italia non mancano leggi in proposito, rafforzate maggiormente nel 2013, ma la violenza è ancora drammaticamente elevata! Se si considera quella non denunciata, per paura o minacce, la violenza sommersa, i dati sarebbero ancor più spaventosi!

Io mi indigno sempre contro queste violenze! Fintanto che un uomo si sentirà “superiore”, in diritto di affermare la propria personalità, il proprio ruolo, usando la barbarie pù bassa e ceca, non si potrà mai parlare di libertà, di parità di diritti. Oltretutto, questi uomini, che credo non siano neppure degni di essere chiamati tali, si credono potenti, onnipotenti, mentre non sono altro che esseri insicuri, annichiliti dalla vita, impotenti fisici e mentali, che pensano di rivalutare se stessi e superare le loro frustrazioni, in questo modo atroce! Non capendo che sono solo dei poveri esseri accecati dall’odio e dalla ferocia!!!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*