Giulia Lupetti: “Da quando ero piccola avevo il grande sogno di venire a vivere negli Stati Uniti…”

La talentuosa attrice e modella, che su Instagram ha più di 117 mila follower, ed è anche stata nella casa più famosa d'Italia, quella del "Grande fratello", si è trasferita da un po' a Los Angeles dove, tra le altre cose, ha dato vita ad una associazione a sostegno degli animali randagi.

Stamane LF ha incontrato un’artista nostrana che, però, da qualche tempo vive negli Stati Uniti, esattamente a Los Angeles: Giulia Lupetti. Bellissima, statuaria, e molto tenace nel perseguire i suoi obiettivi e realizzare i propri sogni, vive negli USA proprio grazie ad un suo grande desiderio risalente all’età dell’infanzia! Carattere determinato e tosto, quindi, che l’ha lanciata come personaggio e che spopola sui social con qualche centinaia di migliaia di follower.
Giulia è nata a Roma nel 1988, e si è laureata in Scienze Della Comunicazione all’Università “La Sapienza”. Ha iniziato la sua carriera di modella all’età di 15 anni, lavorando moltissimo. Dal 2006 al 2011 ha avuto l’onore di sfilare per importanti brand come Gai Mattiolo, John Galliano, Roberto Cavalli, nel 2014 ha scattato con molti importanti fotografi per campagne internazionali come Gaga Milano a Tokyo, Martini, TRIUMPH, e altri.
Durante la sua carriera è stata anche cover girl per importanti magazine come For Men, GQ Italia, Clichè magazine, Bogamia art magazine, Elegant magazine, Modelland ed altri. Fin da quando era piccola ha sempre desiderato diventare un’attice e cantante, così all’età di 11 anni, ha iniziato a studiare pianoforte, ancora oggi una delle sue grandi passioni. Attraverso approfonditi studi di recitazione, all’età di 19 anni, ha avuto l’opportunità di studiare con molti importanti insegnanti, tra cui Giancarlo Giannini, Mariangela D’Abbraccio, Patrizia De Santis in Italia, ma anche presso il famoso Actor Studio di Londra e con la famosissima Ivana Chubbuck a Los Angeles.
La sua carriera attoriale è iniziata nel 2014 lavorando al fianco di Ben Stiller nel famoso film “Zoolander 2”, inoltre ha preso parte a molti importanti spot tra i quali TIM mobile, SOCAP, ed è entrata anche nella casa televisiva più famosa, quella del “Grande Fratello”.
Ha preso parte anche a molti video musicali di importanti cantanti come Fabri Fibra, Emis Killah, Valerio Scanu, in Italia, ma anche J Stash e Rico Love in America.
Recentemente ha condotto una trasmissione televisiva su Canale 21 dal nome “LIVE IN ROME” occupandosi del Roma film festival, dove ha avuto l’opportunità di intervistare personalità come la pluripremiata attrice Maryl Streep, Tom Hanks e cantanti come Micheal Boublè. Sempre nel 2016 ha iniziato una collaborazione per il giornale online e cartaceo “BEAUTY ADDICTED” di Francesca Torricelli. Peraltro è impegnata a livello sociale nella realizzazione della sua Onlus “Love our animals”, che si occupa di aiutare e salvare gli animali che si trovano nei canili e coinvolgere gli animali in attività di volontariato presso gli ospedali infantili e negli ospizi.
Proprio una eclettica ed “esplosiva” artista!
Giulia, intanto benvenuta tra le pagine di LF…ti va di presentarti ai nostri lettori?

“Vi ringrazio innanzitutto per questa intervista, certamente, mi chiamo Giulia Lupetti, sono un’ attrice e Modella italiana e vivo a Los Angeles.”

Hai esordito a soli 15 anni sulle passerelle….una grande emozione suppongo?

“Sì, una grandissima emozione, soprattutto perchè era una sfilata di Gai Mattiolo, sulla scalinata dei S.S. Pietro e Paolo, quindi una grandissima emozione e tantissima paura per quello che poteva succedere. Nonostante qualche timore, perchè avevo un vestito un po’ particolare, me la sono cavata bene, ed è andato tutto alla perfezione.”

Hai lavorato con maestri del calibro di Giancarlo Giannini, Mariangela D’Abbraccio e Patrizia De Santis in Italia, all’Actor Studio di Londra, con Ivana Chubbuck a Los Angeles. La tua carriera come attrice è iniziata nel 2014, dove hai lavorato a stretto contatto con Ben Stiller in “Zoolander 2”, un curriculum di tutto rispetto….

“Ti ringrazio per le bellissime parole! Ringrazio tutti i miei insegnanti per avermi aiutata nel mio percorso di attirce, soprattutto Patrizia De Santis, alla quale sono molto legata e che considero una madre artistica. L’ esperienza sul set di “Zoolander 2″ è stata bellissima, la ricordo con molto amore, ancora sembra un sogno.”

Ora vivi definitivamente negli Stati Uniti, una scelta casuale o voluta…Come ti trovi negli States?

“Scelta volutissima, da quando ero piccola avevo questo grande sogno di venire a vivere quì, ed è diventato realtà… svegliarmi quì ogni giorno e poter fare quello che amo fare mi rende molto felice, ne sono molto grata. Mi trovo benissimo negli States. E’ esattamente il tipo di vita e di posto dove ho sempre desiderato passare la mia vita e finalmente mi ci trovo, è un’emozione indescrivibile. Sicuramente, come in tutte le cose, non è sempre facile, ma i miei sogni avverati mi ricordano sempre il motivo per il quale ho fatto questa scelta e i miei sogni, e subito tutto sembra trovare il suo posto.”

Sicuramente in America si hanno maggiori opportunità e si guarda al merito di un’artista più che al “nome”?

“Decisamente moltissima meritocrazia, sicuramente molta piu competizione e molte più opportunità allo stesso tempo. Sono determinata nel mio percorso e nell’affermare che l’unica competizione che vivo è quella di essere la migliore versione di me stessa. Non è certamente il paese dei Balocchi l’America, non ti stendono il tappeto rosso appena arrivi e non è cosi facile come puo’ sembrare, ma decisamente l’ambizione, l’impegno, lo sforzarsi e le idee, vengono sempre premiate, questo bisogna ammetterlo!”

Nel film “Clique”, oltre alle vesti da protagonista, sei stata script supervisor, se non sbaglio?

“Ho terminato le riprese di “Clique”, a Maggio dell’anno scorso, sembra ieri e invece è già passato un anno. Sul set di “Clique” ho lavorato come attrice e script supervisor, la mia prima esperienza con quel ruolo in produzione. “Clique” mi ha portato molta fortuna, ho recentemente lavorato nuovamente come script supervisor sul set di un corto, è stata la conferma di quanto mi piaccia ricoprire questa veste all’interno della produzione.”

Clique è un thriller. Che cosa racconta?
“Clique racconta di una serie di omicidi operati da un serial killer. Racconta una storia molto attuale e di come al giorno d’oggi i social media abbiano condizionato e cambiato la nostra vita. Parla degli istinti umani e di come a volte le nostre spinte istintive possano prendere delle svolte impreviste.”

Che esperienza è stata quella del film “Mission Possible”, una commedia con protagonisti, anche gli animali?

“Mission Possible è stata un’esperienza del tutto nuova per quanto riguarda la possibilità, per me, di poter lavorare sul set con gli animali, non solo con i cagnolini che erano i protagonisti indiscussi, ma ho avuto anche la fortuna di avere delle scene a cavallo. Amo l’equitazione, è stato incredibile poter avere la chance di stare a contatto con gli animali sul set, con tutti gli imprevisti del caso, peraltro hanno portato un tocco di felicità sul set.”

C’è un’attrice alla quale vorresti ispirarti?

“Meryl Streep senza ombra di dubbio, so che è una risposta che si puo’ sentire spesso, ma la apprezzo profondamente e ammiro come attrice e donna.”

Un regista che prediligi?

“Tim Burton, è uno dei miei prefeirti per la sua ecletticità. Allo stesso modo adoro Quentin Tarantino.”

Come si svolge una tua giornata tipo?

“Non esiste una giornata tipo nella mia vita, diciamo che nella mia giornata tutto può cambiare da un momento all’altro. Un provino inaspettato, un meeting inaspettato, insomma vivo cercando di darmi delle basi generali da sviluppare durante la giornata. Faccio sempre meditazione al mattino e, alla sera, prima di andare a dormire, mi alleno durante il giorno, di solito faccio lezione di Krav Maga 5 volte alla settimana e cerco di allenarmi per la danza con il tango e la salsa almeno 2 volte alla settimana, se possibile. Poi possono variare da settimana in settimana, ma questa è la base generica. Di solito cerco di alzarmi molto presto al mattino, intorno alle 5.30/6.00 in modo da riuscire a portare a termine tutto quello che mi prefisso, non sempre ci riesco.”

Sei seguitissima sui Social, ma cosa ne pensi di queste vite virtuali che si hanno in simili contesti? Non pensi che allontanino le persone tra loro o che, al contrario, creino maggior contatto?
“Assolutamente sì, sono social ma mi piace non avere sempre il telefono in mano, soprattutto quando sto con le persone e voglio spendere realmente tempo con loro piuttosto che rimanere attaccata allo schermo. Mi piace vivere i momenti al massimo e al meglio che posso.”
Hai nostalgia dell’Italia?

“Assolutamente nessuna nostalgia, è stata una mia scelta, sono felice quì. Posso tornare per qualche giorno quando voglio, non mi manca nulla. Magari i miei animali domestici, perchè con loro non posso sentirmi su Skype o Whatsapp, ma a parte questo, tutto il resto non è cambiato molto per me.”

Sei una ragazza felice al momento?

“Molto, sono veramente molto felice, ovviamente come tutte le persone ho alti e bassi, ma essenzialmente sono felice. I giorni no, capitano a tutti, anche a me, ma non capitano poi così spesso da quando ho iniziato a vivere per me stessa e seguendo quello che amo fare.”

Hai un aneddoto da raccontarci?
“Ho un aneddoto divertente in merito a una campagna che scattavo per il Giappone insieme al famoso attore Ken Wakanabe. Eravamo a Guam, un’isola militare vicino al Giappone, la sera prima eravamo andati a cena con tutta la troupe in un ristorante di proprietà del fratello di Ken e lui mi fece assaggiare un piatto tipico giapponese, che era fatto con un uovo crudo all’interno. Per non fare brutta figura lo mangiai, era anche buono in effetti, si da il caso però che passai l’intera nottata dando di stomaco e avevo la sveglia alle cinque perché dovevamo essere sul set alle sei del mattino. Saremmo dovuti arrivare su una spiaggia privata, dunque attraversammo con la troupe una foresta per arrivarci. Si erano fatte le otto del mattino e io non davo segnali di ripresa però, essendo davanti a molte persone, fingevo di stare meglio di quanto stessi. Arrivò il momento di scattare, entro in scena con Ken, danno il via, e come nei peggiori film comici, mi ritrovo a dare di stomaco davanti a tutta la troupe, davanti alle telecamere, ma cosa peggiore, con Ken Wakanabe che mi reggeva la testa. Devo dire che ora è divertente, sul momento fu una situazione alquanto imbarazzante.”

Hai fondato un’associazione a sostegno degli animali randagi. Ti va di parlarci di questa iniziativa?

“Certamente, il mio amore per gli animali è uno dei pilastri della mia vita. Amo gli animali e mi piace fare di più per loro. Ho avuto l’idea dell’associazione quando ero in Italia e stavo per aprire un rifugio, dopo di che, essendomi trasferita, ho dovuto abbandonare il progetto che ho riportato quì negli Stati Uniti. Inizialmente ho lavorato come volontaria al WEST ANIMAL SHELTER di Los Angeles, dove aiutavo lo shelter ad accudire gli animali abbandonati, cani e gatti principalmente, ma anche conigli e perfino due galli. È molto bello poter dare una mano e vedere quante persone come me offrano il loro contributo, mi fa sentire meglio. Inoltre prima di fare la volontaria non avevo la benchè minima idea di quanta differenza ci fosse tra gli shelter in America e quelli in Italia, è abissale, c’è un profondo rispetto per gli animali. Ho anche partecipato anche al programma “Foster” che consiste nell’affidamento temporaneo di alcuni animali in pericolo, è stata un’esperienza bellissima avere a casa animali che comunque erano in pericolo e vederli migliorare e trovare loro delle famiglie. Sono molto contenta.”

Progetti futuri?

“Sto per girare il mio primo corto come regista a fine mese, un’ idea scritta da me, nella quale recito e sarò regista, oltre che occuparmi di parte della produzione. Sono molto soddisfatta al pensiero di vedere qualcosa che era solo nella mia mente, diventare realtà.”

Concludendo?

“Vi ringrazio infinitamente e volevo ringraziare i lettori e auguro a tutti voi di riuscire a trovare ciò che vi rende veramente felici e impegnarvi a perseguirlo, perchè non c’è nulla di meglio che vivere per i propri sogni. Grazie!”

Grazie a te Giulia e tanti auguri per il tuo futuro!

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*