“Il diario di Adamo ed Eva”.

Il recital, tratto da un lavoro di Mark Twain, che vede protagonisti Barbara De Rossi e Francesco Branchetti, qest'ultimo anche in veste di regista, debutterà Martedì 24 Luglio al Festival teatrale di Borgio Verezzi (SV). LF ha incontrato, per l'occasione, l'attore e regista Francesco Branchetti.

Ben 13 spettacoli teatrali, 10 dei quali saranno in Prima Nazionale, e con due eventi speciali nelle Grotte: non era mai accaduto nella lunga storia del Festival di Borgio Verezzi, che giunge alla 52^ edizione con un cartellone da record. Il programma è ricco di temi, di titoli e di nomi importanti, secondo consuetudine, con una prevalenza delle commedie sui drammi e, in qualche caso, anche con forti contaminazioni musicali, ancora una volta all’insegna del rinnovamento nella tradizione, con testi contemporanei, spesso inediti o stranieri, ma senza trascurare i classici.

Martedì 24 Luglio è in programma la Prima Nazionale del Recital “Il diario di Adamo ed Eva”, di Mark Twain, con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti, che quì vedrà al contempo la sua regia.

Mark Twain, attingendo al mito della Creazione, narra come siano andate le cose tra l’uomo e la donna in una chiave ironica, umoristica ma anche fiabesca e romantica, raccontando come possa essere nata l’attrazione tra i due sessi. Il testo a due voci inizia con l’apparizione di Eva, che Adamo vede come una creatura bizzarra e fantasiosa; Adamo si ritrova un bel giorno a dover fare i conti con questa nuova  strana creatura “Questo nuovo essere dai capelli lunghi… Non mi piace, non sono abituato ad avere compagnia”. Nel racconto le due voci si avvicendano in modo commovente e allegro. Eva è una creatura molto bizzarra e fantasiosa, ma anche romantica, vanitosa e chiacchierona, sempre interessata a dare nomi agli animali, alle piante e al creato. Adamo, invece, è un uomo rude e facilmente irrascibile, un solitario, innervosito dalla continua presenza di Eva, che lo segue imperterrita e incuriosita, parlando ininterrottamente. Adamo però è molto affascinato da Eva. Il loro incontro sembra destinato al disastro. Poi Eva mangia la mela e inizia la caduta, entrando così nel mondo della morte, del lavoro, della conoscenza; arrivano i figli, Caino e poi Abele, esseri che Adamo per molto tempo non riconosce come umani, ma crede siano una nuova specie di animali. Le due voci si susseguono fino a che i due, nonostante le diversità, si rendono conto che si amano. E’ l’ incontro tra l’uomo e la donna, in questo giardino dell’Eden con tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’uomo e la donna moderni.

La regia intende restituire al testo, attraverso le voci degli attori e la fisicità di due mimi, la straordinaria capacità d’indagare l’animo umano e le tortuose relazioni che abbiamo talvolta con noi stessi e poi con gli altri; ansie, paure, malesseri, malinconie, gioie, curiosità, attrazioni, dolori, solitudini e sentimenti si alternano e si confondono  in una danza meravigliosa di voci, corpi, suoni  e colori, che lasciano spazio alla malinconia ma anche all’ironia e alla tenerezza.

Le musiche, le luci e gli interventi dei mimi creeranno magiche atmosfere e daranno un apporto fondamentale a questo viaggio nel mondo dei rapporti tra uomini e donne.

LF ha incontrato Francesco Branchetti per parlarcene…

Francesco, parlaci di questo debutto tatrale, a giorni, a Borgio Verezzi, de “Il diario di Adamo ed Eva” che, tra l’altro, vede anche la tua regia.

“Debutteremo Martedì 24 Luglio, in Prima nazionale, con questo nuovo testo, che è anche il quarto che affronto con Barbara De Rossi. “I dialoghi di Adamo ed Eva” sono tratti da Mark Twain, tradotti e rielaborati da Maura Pettorruso. E’ un allestimento che vedrà  in scena, accanto a noi, anche due mimi straordinari, Umberto Bianchi e Raffaella Zappalà…stiamo provando con grande emozione ed impegno, come sempre, prima di ogni debutto, siamo carichi di tensione positiva.”

L’idea, molto originale, di venire affiancati da due mimi com’è nata?

“Nasce dalla mia passione ventennale per il mimo, che è stato spesso presente nei miei spettacoli. I mimi danno corpo a tutto assieme ai vari personaggi del pezzo…credo che sia un percorso molto bello, poetico ed evocativo, oltre che, naturalmente, divertente ed ironico come appunto è “Il diario di Adamo ed Eva”.

Come si esplica, in questo pezzo, l’eterno confronto tra uomo e donna?

“E’ molto divertente perchè è il primo confronto tra uomo e donna, è la scoperta della donna per Adamo, e la scoperta dell’uomo per Eva. Tutto viene affrontato in una chiave estremamente ironica e divertente, ed analizzando il testo, riusciamo a trovare ancora grandissimi spunti di modernità e di attualità tra la coppia moderna e quella di Adamo ed Eva.”

Ormai è un connubio di successo quello fra te e Barbara De Rossi….

“E’ la quarta volta che lavoriamo insieme su un testo e questo mi riempie di grande gioia.”

Rappresenterete anche altrove “Il diario di Adamo ed Eva”?

“Si andrà in scena in molti teatri italiani, da questo debutto di Martedì a Borgio Verezzi, fino alla fine di Gennaio 2019.”

Mi sembra che a Borgio andrà in scena anche un altro pezzo di teatro di cui curi la regia, “Debora’s Love” con Debora Caprioglio…

“Sì, saremo a Borgio Verezzi anche con “Debora’s Love”, uno spettacolo che in realtà ha debuttato nel 2015, e che stiamo portando in giro per l’Italia da tre anni con grandissimo successo. Sono felice che faccia tappa a Borgio che, secondo me, è il festival italiano che ancora raccoglie e seleziona il teatro di maggior spessore e qualità.”

Concludendo?

“Mi auguro che questo debutto sia feliche e che dia inizio ad una buona stagione che mi vedrà con diverse regie nuove….In Autunno, curerò la regia di uno spettacolo che si chiama “Una settimana non di più” con Milena Miconi, a seguire avrò un’altra regia con uno spettacolo sul mondo del Burlesque a cui tengo molto, e poi molti spettacoli che continueranno come “Debora’s Love” o “Il viaggio di Ekuba” con Isabella Giannone, in giro per l’Italia.”

23000448_1922767868043612_1960035662746380880_o

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*