Il gufo e la gattina.

L'esilarante commedia, liberamente tratta dall'omonimo film del 1970, che tratta le diversità culturali e sessuali dei due protagonisti, interpretata da Rita Forte e Pietro Longhi al teatro Manzoni di Roma.

Rita Forte e Pietro Longhi

Il gufo e la gattina (The Owl and the Pussycat) è un film commedia del 1970 diretto da Herbert Ross e interpretato da Barbra Streisand e George Segal nella parte dei due protagonisti. Si tratta di una commedia romantica che trattava tematiche audaci per l’epoca nel quale il film venne girato.

Al Teatro Manzoni di Roma, fino al 22 Gennaio, ne viene messa in scena una libera e piacevole versione, con protagonisti Rita Forte e Pietro Longhi, che presentano la celebre commedia per la regia di Silvio Giordani. Una favola comica moderna.
Felix e Doris appartengono a due mondi diametralmente opposti, che si incontrano e inevitabilmente si scontrano. Felix è uno scrittore, ma per sopravvivere fa il commesso in un negozio di libri, lei cantante di piano bar e attricetta squillo con poco talento e scarsa cultura. Buttata fuori dal suo appartamento di notte dal proprietario, grazie alla denuncia di Felix, suo vicino che aveva notato uno “strano movimento” nella casa, Doris si presenta alla sua porta e gli piomba nell’appartamento con la valigia alle 2.00 di notte…. Le loro differenze caratteriali e culturali sono enormi, ma con il proseguire della vicenda inizieranno ad ammirarsi reciprocamente e finiranno con l’innamorarsi.
Un ménage comico a tratti surreale ed esilarante, una piéce divertente che affronta con delicatezza temi come il sesso, la solitudine e l’incomunicabilità, con ironia e divertimento.

Il pezzo è godibilissimo e contemporaneo…non sembra scritto 40 anni orsono. E’ scorrevole, piacevole, ironico, divertente. I due protagonisti davvero scelti ad hoc! Pietro Longhi, caustico ‘gufo’ dal cuore buono, burbero, sornione, misantropo, con un certo ‘aplomb’ inglese, riesce a declamare le sue battute con elegante noncuranza. E’ un uomo privo di slanci o moti entusiastici, che, al contrario, caratterizzano la ‘gattina’ Doris!

Longhi, dalla sua lunga esperienza teatrale, risulta davvero fantastico, soprattutto nel secondo tempo!

Cosa dire poi di Rita Forte!?! Questo ruolo le si addice come un abito cucito su misura! Perfino i turpiloqui, dalla sua bocca, sgorgano con armonia. Seguo questa artista da anni…sia musicalmente che recitativamente, e non sembra neppure ‘nata dietro al pianoforte’…Non riuscirei ad immaginare un’altra protagonista per questa simpatica ed umana Doris che non sia lei!

L’ho trovato uno spettacolo piacevolissimo! Originale l’inserimento di tre brani noti, tra cui…”E’ l’uomo per me” e ”Parole Parole” di Mina, interprtati dalla stupenda voce di Rita Forte!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*