Il Mondo di mezzo.

Il film, diretto e prodotto dal regista Massimo Scaglione, racconta il potere del mattone e la commistione tra palazzinari e politica romana nei decenni passati.

Ieri mattina, 27 Aprile, c’è stata la presentazione alla stampa con una visione in anteprima presso la sala della Protomoteca al Campidoglio del film ‘Il mondo di mezzo’, di Massimo Scaglione, ambientato a cavallo tra gli Anni ’70 ed i giorni nostri: l’imprenditore, re delle costruzioni, Gaetano Mariotti, interpretato da Tony Sperandeo, emigra dal Sud a Roma e, dimostrandosi senza scrupoli, porta avanti la sua attività corrompendo politici e uomini delle istituzioni. Prenderà poi il suo posto il figlio Tommaso, interpretato da Matteo Branciamore, inizialmente contrariato, poi convinto a portare avanti il lavoro del padre allo stesso modo.

Un film coraggioso e forte come la verità che si ha il dovere di dire.

I principali componenti del cast artistico sono: Matteo Branciamore, Laura Forgia, Tony Sperandeo, Nathalie Caldonazzo e Massimo Bonetti nei ruoli rispettivamente di Tommaso, Gaia, Gaetano e Stella Mariotti, e il Capo di Gabinetto.

Foto: Luigi Giordani

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*