Jorge José Emiliano dos Santos: quando, in una partita di calcio, lo show era dell’arbitro.

A partire dal 1988, Santos iniziò ad arbitrare nella massima serie brasiliana, quella che per noi è la serie A.

Oggi vi racconto di un personaggio di cui abbiamo pochi frammenti di memoria, Jorge José Emiliano dos Santos, nato a Rio de Janeiro nel Marzo del 1954, dove è anche morto nel Febbraio del 1995.
Agli albori della sua carriera come arbitro, lo potevamo vedere nei campi del Beach Soccer sulle spiagge di Rio de Janeiro, dove non sempre si giocava senza violenza
Fu lì che ottenne il  soprannome di Margarida, ovvero Margherita (in Brasile sono chiamati così i gay).  A partire dal 1988 iniziò ad arbitrare nella massima serie brasiliana, quella che per noi è la serie A, debuttò arbitrando il match tra Flamengo e Volta Redonda Futebol Clube, all’Estadio de Gávea, proprio a Rio.
I media dell’epoca seguivano le sue gesta, poiché fu il primo arbitro brasiliano di prima divisione, a dichiarasi pubblicamente omosessuale.
Nel 1989 fu protagonista di un incidente durante l’inizio della sesta coppa di Calcio femminile all’Estadio Caio Martins: dopo aver ricevuto un’offesa da una calciatrice, perse il controllo e la colpì. Da lì ne scaturì una grossa rissa e fu obbligato a fuggire dai giocatori che tentavano di inseguirlo. Il giorno dopo si scusò con la calciatrice donandole un fiore.
Oltre alle sue qualità come arbitro, divenne celebre, grazie allo stile teatrale e danzante con il quale si muoveva lungo il campo da gioco. Quando una delle squadre segnava una rete, ad esempio, tornava saltellando di spalle verso il centro del campo e quando un giocatore commetteva fallo, lanciava piccole grida.
Nonostante tutto, venne molto rispettato dai giocatori. Usava dire «Potrò anche essere una margherita fuori dal campo, ma qui sono un macho.»

Era universalmente noto fra i tifosi brasiliani per questi suoi atteggiamenti curiosi ed irriverenti, ma sempre giusti ed imparziali. Era molto amato anche dal pubblico, che gradiva le sue sceneggiate, anche se non riuscì mai a diventare un arbitro internazionale!
Il 21 Febbraio 1995 morì per complicazioni relative all’AIDS, malattia da cui era affetto da tempo.
Emiliano Dos Santos è anche uno dei modelli usati dall’arbitro eterosessuale Clésio Moreira dos Santos per creare il personaggio Margarida, che è diventato famoso grazie ad un noto video su YouTube, mostrante alcune scene di una partita di calcio in cui, in particolare, si può notare il suo singolare modo di correre e di ammonire i giocatori.

Lunedi alle 18:00 su Florence International Radio
“Gli Stolti informazione libera” all’interno del quale potrete trovare la rubrica del nostro direttore Loredana Filoni con “La pagina di Loredana Filoni” www.florenceInternationalradio.com

Jorge José Emiliano dos Santos

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*