La vitamina D e la Sindrome dell’occhio secco.

Uno studio coreano ha chiarito che chi ne soffre ha spesso bassi livelli di vitamina D nel sangue.

La sindrome dell’occhio secco si manifesta con un fastidio agli occhi, assai intenso e soprattutto quotidiano, determinato da un difetto nella produzione delle lacrime. In pratica queste ultime non riescono a svolgere al meglio la loro funzione protettiva della superficie dell’occhio e si scatena l’infiammazione. I sintomi si manifestano con: rossore, bruciore, fastidio alla luce e prurito.
Ricercatori coreani del dipartimento di oftalmologia dell’Università di Seul, hanno voluto verificare se i pazienti che soffrono di questo disturbo hanno qualche mancanza di tipo nutrizionale, e hanno potuto osservare che i pazienti arruolati per la ricerca avevano nel proprio sangue bassi livelli di vitamina D al di sotto della soglia ottimale.
I ricercatori hanno concluso la loro ricerca, pubblicata su PLos One, affermando che effettivamente la maggior parte di coloro che soffrono della sindrome dell’occhio secco, svolge lavori di ufficio e quindi, il passare molto tempo davanti ad un monitor di un computer non li aiuta in quanto dimenticano di strizzare o ammiccare gli occhi. Ricordarsi sempre che ammiccare è importantissimo: non c’è altro modo per distribuire le lacrime sulla superficie oculare. Ma soprattutto, dicono, passando molto tempo al chiuso non sintetizzano la vitamina D necessaria al loro fabbisogno. E per questo motivo, suggeriscono che una integrazione appropriata di vitamina D potrebbe essere molto importante per il loro problema Oculare.

Per completezza di informazione, il mio consiglio rivolto a chi trascorre per lavoro molte ore davanti al Pc è quello di prendersi una pausa di 5 minuti ogni ora (esempio: si lavora per 55 minuti e stop per 5 minuti).

Vitamina D, effetti collaterali e controindicazioni:

1) SE SI VUOLE ASSUMERE VITAMINA D DURANTE LA GRAVIDANZA NON SUPERARE IL DOSAGGIO MASSIMO DI 4000 UI AL GIORNO. ESEGUIRE OGNI 45 GIORNI IL DOSAGGIO NEL SANGUE DELLA VITAMINA D 25 (OH) PER VERIFICARE POSSIBILE IPERVITAMINOSI D (SE SI VERIFICA TALE EVENTO SOSPENDERE E NON PROEGUIRE CON LA SOMMINISTRAZIONE ORALE DELLA VITAMINA D PERCHE’ SI POTREBBERO VERIFICARE SERI PROBLEMI AGLI ARTI DEL NASCITURO);

2) NON ASSUMERE VITAMINA D IN PRESENZA DI IPERCALCEMIA;

3) NON ASSUMERE VITAMINA D IN PRESENZA DI SARCOIDOSI CON PATOLOGIE RENALI;

4) NON ASSUMERE VITAMINA D IN PRESENZA DI ISTOPLASMOSI CON PATOLOGIE RENALI;

5) NON ASSUMERE VITAMINA D IN PRESENZA DI LINFOMA CON PATOLOGIE RENALI;

6) NON ASSUMERE VITAMINA D IN PRESENZA DI TUBERCOLOSI CON PATOLOGIE RENALI;

Vitamina D, interazioni farmacologiche:

ANTIACIDI A BASE DI ALLUMINIO, CALCIPOTRIENE, DIGOSSINA, DILTIAZEM, VERAPAMIL, DIURETICI TIAZIDICI, CIMETIDINA, EPARINA, ENOXAPARINA, DALTEPARINA, TINZAPARINA.
DEVONO PASSARE 3-4 ORE DALL’ASSUNZIONE DELLA VITAMINA D DAI FARMACI SOPRASCRITTI.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*