L’emozionante audiolibro dell’opera “A ottant’anni se non muori t’ammazzano” di Ferdinando Camon.

"Lasciar morire i vecchi è la resa della civiltà". [F.Camon]

A ottant’anni se non muori t’ammazzano di Ferdinando Camon è un testo profondamente legato alla nostra contemporaneità: è infatti una sentita riflessione sull’epidemia di Covid19 che sta affliggendo l’umanità, con particolare attenzione per il comportamento adottato nei confronti di una delle categorie sociali più deboli, quella degli anziani.

La casa editrice il Narratore propone l’opera in versione audiolibro per omaggiare un autore e intellettuale di grande importanza: Ferdinando Camon è infatti uno scrittore tradotto in tutto il mondo, e ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti, tra i quali il Premio Strega nel 1978 e il Premio Campiello alla carriera nel 2016.

Grazie all’intensa interpretazione di Moro Silo, il testo risulta ancora più emozionante, perché attraverso le sfumature della sua voce si possono percepire la rabbia, l’amarezza e anche il tagliente sarcasmo dell’autore.

In trentasette brevi capitoli Camon presenta le sue riflessioni su una situazione che ha colpito duramente anche chi, come lui, ha già vissuto un trauma collettivo, quello della seconda guerra mondiale. L’autore ha infatti ottantacinque anni, ed è per questo motivo che ha voluto portare all’attenzione dei lettori una questione che lo riguarda da vicino: quella del sacrificio degli anziani in favore delle vite dei più giovani nella fase più pesante dei ricoveri per coronavirus. Nonostante sia un’opera intima, in cui lo scrittore rievoca anche parti del suo passato, è palese l’intenzione di rivolgere un pubblico atto d’accusa a chi ha messo al primo posto l’economia invece del diritto ad essere curati, perché in fondo si trattava solo di anziani: “Nell’inconscio di chi sente o legge la morte di un vecchio si fa strada il concetto che la morte di un uomo anziano sia un atto di giustizia: l’anziano non rende nulla ma prende molto, ha molti bisogni, cure, medicine, affetti, e nessuna utilità”.

Parole forti da un uomo che conosce bene il suo valore, e che non sente di essere inutile solo perché ha una certa età: “A 80 anni una vita può avere più rapporti, relazioni, sentimenti, più ricordi che a 20, a 30, più capacità di comprensione, di tolleranza, di perdono, che non sono forme di aggressione e conquista della vita (queste sono maggiori a quarant’anni), ma sono forme di accettazione, di valutazione, di apprezzamento. Vivere gli 80 anni ha un senso, una dignità. È un diritto. È un traguardo”.

Quest’opera è un coraggioso atto di protesta; è un invito a riattivare la propria coscienza, perché il diritto di vivere non dovrebbe essere concesso ma tutelato.

Antonella Quaglia

Ferdinando Camon

 

Contatti

http://www.ferdinandocamon.it/

https://www.facebook.com/ferdinando.camon

https://www.ilnarratore.com/it/

https://www.ilnarratore.com/en/ferdinando-camon-a-ottant-anni-se-non-muori-t-ammazzano-download/

 

Titolo: A ottant’anni se non muori t’ammazzano

Autore: Ferdinando Camon

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: il Narratore audiolibri

Letto da: Moro Silo

Durata: 02h 01’ (Versione integrale)

Prezzo: 7,49 €

Codice ISBN 978-88-681-64-003

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*