Miryam Pieralisi: una tradizione di famiglia che dura da 70 anni!

Presentata in anteprima, a RomaSposa, la collezione Alta Moda 2017 di Miryam Pieralisi, un atelier che realizza abiti da sposa su misura a livello altamente artigianale e con materiali d'eccellenza!

Un sogno…una favola…antiche tradizioni…il giorno più bello! A chi di noi, in fondo, non piace vivere una giornata all’insegna del romanticismo, dell’amore, della fiaba!?! Vestiti di alta foggia, sete, cristalli di Boemia, di Swarovski, pizzi, perline, veli, cappelli ed anche qualche tocco di colore…quello che abbiamo potuto ammirare ieri, durante la sfilata degli abiti da sposa della collezione 2017 di Myriam Pieralisi, al Palazzo dei Congressi nell’ambito di RomaSposa. Rappresentante del noto atelier, una delle “discendenti”, la giovane Laura Biagiotti Pieralisi. L’omonimia del nome è solo casuale, niente a che vedere con l’altra capostipite del settore della moda italiana.

Ieri hanno sfilato, davanti ai miei entusiastici occhi dei capi meravigliosi! Da sempre amo gli abiti da sposa, forse per un mio ancestrale romanticismo e la voglia di “sognare” ad occhi aperti che, in fondo, non mi hanno mai abbandonata completamente. Tutto questo mi ha fatto assistere ad una sfilata davvero bella, di gran classe e molto originale.

Durante l’anteprima della collezione Alta Moda 2017 dell’Atelier Pieralisi, sono stati presentati 15 abiti interamente ispirati ad una donna molto femminile. In passerella abbiamo apprezzato un po’ di vintage, rielaborato e studiato, con il pizzo a farla da padrona, ed una chicca, l’anticipazione degli abiti ispirati agli anni ’50, da quello ampio ed importante, a quello più corto davanti e più lungo dietro.

LF ha incontrato per voi proprio Laura Biagiotti Pieralisi…

Laura, una tradizione che prosegue incessantemente da quasi 70 anni…

“Sì. Mia nonna ha iniziato nel dopoguerra con la classica sartoria dove la donna si andava a far cucire il tailleur, la camicetta o il pantalone. Mia madre a sua volta, ha iniziato a 15 anni, e man mano si è appassionata al mondo della sposa. Negli anni ’60 ha lanciato il marchio esclusivamente per gli abiti da sposa. Diciamo che è stato inevitabile per me proseguire in questo settore, me lo hanno trasmesso nel DNA, come dico sempre! Sono nata in sartoria e pian piano mi sono appassionata a questo lavoro che è molto faticoso ma di grandi soddisfazioni!”

Abiti da sogno…pizzi di pregio, sete, perline, cristalli…

“La nostra lavorazione trova il fondamento proprio in questi elementi. Noi siamo un atelier che realizza abiti da sposa su misura a livello artigianale da sempre e, tengo a dirlo, tutto made in Italy. Quì non arriva nulla che sia importato. Anche i ricami sono tutti realizzati a mano con cristalli di boemia, di Swarovski, fili di seta, argento, oro…tutto materiale d’eccellenza. La base è sempre la seta pura…poi lavorata in diverse forge, cotoni particolari, chiffon, georgette, tulle, organze e rasi.”

Tutto questo richiede grande impegno e dedizione!

“Sì, una grande fatica, un impegno notevole e costi piuttosto elevati, ma tutto questo dona anche un pregio, un’esclusività, un risalto al materiale che usiamo ed alla manodopera.”

Occorre molto tempo per realizzare uno dei vostri abiti?

“Dal disegno alla realizzazione completa una quindicina di giorni…ma poi dipende dal modello, dalla lavorazione…Non significa che la futura sposa debba arrivare “all’ultimo minuto” per ordinarne uno…occorrono varie prove, possono volerci modifiche e quant’altro.”

Le è mai stata fatta una richiesta per un abito “singolare”?

“Il pubblico che si avvicina a noi è sempre di una certa classe, e cerca un matrimonio di un certo livello. Alcune spose si sono fatte fare 4 o 5 abiti perchè hanno celebrato un matrimonio quì, un altro in spiaggia…Ricordo una cliente Giapponese che volle un abito particolare: come ben sappiamo da noi il colore blu è bene augurale, mentre da loro lo è il fucsia, per cui abbiamo realizzato un abito completamente dipinto a mano tutto bianco, crema e fucsia. Questa è la cosa più “strana” che ci è stata richiesta. Si sta tornando, e per fortuna, un po’ al gusto, alla raffinatezza…Un tempo le clienti entravano e chiedevano l’abito particolare, diverso…ora lo richiedono bello sì ma di gran classe. E questo mi fa un immenso piacere.”

Quali nazioni abbraccia la vostra clientela?

“Tutto il mondo! Tantissimi Russi, Arabi, e stiamo cominciando a varcare la soglia dell’Oriente e l’India. I nostri nuovi clienti sono indiani. Loro fanno dei bellissimi matrimoni.”

Foto: Luigi Giordani

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*