“#Nervature”… è diventato un libro.

La nota rubrica di LF, curata da Maria Laura Ferrera, è ora racchiusa in un volume che è stato presentato, Venerdì 15 Febbraio, presso la Libreria Mondadori di Via Piave a Roma.

Un pomeriggio denso di emozioni, euforia, adrenalina pura, ha fatto da cornice alla presentazione del nuovo libro, il terzo per la precisione, di Maria Laura Ferrera, dal titolo #Nervature.

Il nome, a chi ci segue attentamente, evocherà parecchi appuntamenti cadenzati su LF con una rubrica, appunto, Nervature, curata dalla stessa Maria Laura, che suscita sempre grande entusiasmo ed accorato seguito.

Personalmente è stata un’emozione maggiore, in primis, da direttore responsabile di questa testata, fondata nel 2014, che ha visto realizzarsi quello che era un mio sogno, e secondo, per avermi dato possibilità, come una delle relatrici, di poter parlare di questo libro e della collaborazione di Maria Laura in questa mia avventura, che, confesso, mi vanto di avere nella mia Redazione.

Dicevo, un pomeriggio di emozioni quello che si è svolto Venerdì 15 Febbraio all’interno della libreria Mondadori di Via Piave a Roma.

Puntuali, abbiamo dato inizio a quello che è stato un “percorso” di vita, di storie, anche drammatiche, di ricordi ed appuntamenti con la storia ed i sentimenti. Il parterre, tutto rigorosamente al femminile, era composto, oltre che dall’autrice Maria Laura Ferrera, dall’editrice Donatella De Bartolomeis delle Edizioni “Il Papavero”, e da Mariella Rainò che ha, impeccabilmente dato vita a delle sentite letture di alcuni dei brani tratti dal libro.

Ho conosciuto Maria Laura Ferrera nel 2015, in occasione dell’uscita del suo secondo libro “Domus crudelis”. Incuriosita già dal titolo, la contattai per avere da lei un’intervista. Amabilmente accettò. Scoprii in lei una donna dall’indubbio fascino, non solo estetico, ma anche verbale, una dialettica forbita, elegante e ricercata….Immaginatevi il mio entusiasmo quando Maria Laura mi propose di poter collaborare con LF in quella che divenne, poi, appunto “Nervature”. In ogni suo scritto si parla di vita, vera, vissuta, lacerata, amata, odiata, in maniera sagace, snocciolando ogni situazione fino allo stremo. Maria Laura, vividamente scrive con grande ironia, sarcasmo, sincerità di colei che non le “manda certo a dire”, e non potrebbe essere altrimenti! Tutta la filosofia della mia vita e di LF è improntata sulla chiarezza e l’onestà intellettiva. Da quì l’idea del nome “Nervature”. I “nervi” sono quelli che rendono più resistente alla flessibilità il legno, sono una parte importante in Architettura, e ancora, quando si pensa al corpo umano, pochi sistemi sono complessi come quello nervoso….Nervi scoperti, “battere lì dove il dente duole”…questo è Maria Laura, colei che non si fa imbrigliare dal ben pensare o dal pensare comune. Lei non è mai banale, nè scontata, l’ovvio per lei non esiste. Ogni racconto è diverso e sempre nuovo. Anche in occasioni quali l’8 Marzo o la giornata della Memoria lei riesce a rendere ogni articolo come fosse il primo. Mi entusiasma leggerla, lei lo sa bene! Mi rende felice saperla tra noi di LF!

Donatella De Bartolomeis, a sua volta, ha raccontato dell’incontro con Maria Laura e di come sia iniziato il loro connubio professionale… c’era tanto calore nelle sue parole, si respirava, e si avvertiva anche il suo grande impegno nel gestire una casa editrice, non da ultimo, il fatto che fosse in piedi dalle 4.00 del mattino (Donatella riesiede ad Avellino) per esserci…

Tornando a #Nervature, per realizzarlo, Maria Laura Ferrera, ha scelto e raccolto gli articoli che riteneva più significativi, raggruppandoli all’interno di cinque argomenti: Il Giorno, Ritratti, Attualità, In Rete, Fra me e voi. Un libro che racconta, come del resto in LF, avvenimenti, mode, tendenze, vizi, momenti dolorosi, ricordi struggenti, ritratti di archetipi presenti nella nostra società, il tutto scritto con il suo riconoscibilissimo stile ironico, pungente, accattivante, veloce… tutto da leggere.

E poi, è proprio il caso di dirlo…dulcis in fundo…il rinomato mastro pasticcere di Siracusa Franco Neri conosciuto per la “Cannolo terapia- emozione dei sapori” (come smentire questa definizione!?!) ci ha voluti omaggiare con una linea di confezioni contenenti dolci tipici che porta sul fronte l’immagine di copertina del libro… una sorpresa per tutti noi che ignoravamo questa trovata davvero unica! E poi che dire di queste perle di pasticceria….una gioia per il palato!

Foto: Maurizio Romani

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*