Pamela Anderson: “La mia affinità con gli animali mi ha salvata!”

La nota attrice, indimenticata C.J. Parker nella celebre serie Baywatch, ci ha raccontato un po' della sua vita, dagli abusi subìti da ragazzina, al suo nuovo amore, passando per la difesa dei diritti degli animali con la sua Fondazione.

Bella e prorompente lo è ancora oggi….Ma chi non ricorda la bionda sexy che nell’estate del 1989, durante una partita di football, venne inquadrata sul maxi schermo dello stadio, provocando un boato di apprezzamento degli spettatori…tanto da apparire sulla copertina di Playboy nello stesso anno!?! Il ruolo, però, che l’ha resa popolare al grande pubblico è indiscutibilmente quello della bagnina C.J. Parker nella celebre serie “Baywatch”, andata in onda dal 1992 al 1998.

Ne sono trascorse di…”nuotate” da quel periodo! In questi anni, però, Pamela non si è fermata, anzi, si è occupata di molte altre attività oltre a quella del campo artistico: diventata vegetariana da adolescente, è ormai da diversi anni una vegana ed una strenue attivista per i diritti degli animali. E difatti è stata scelta dalla “People for the Ethical Treatment of Animals” come Persona dell’Anno 2016. Pam ha anche dato vita alla sua Fondazione, la PAF (Pamela Anderson Foundation), che si occupa non soltanto dei diritti degli animali ma anche dei diritti umani ed ambientali. E proprio lo sviscerato amore per gli animali ha salvato Pam da uno dei periodi più oscuri e terribili della sua esistenza. La Anderson subì molestie gravi da bambina, delle quali ha parlato soltanto nel 2014, ed oggi anche ad LF. Dai sei ai dieci anni venne molestata da una sua babysitter, a dodici, stuprata da un venticinquenne e, a quattordici, vittima di una violenza di gruppo da parte del suo fidanzato d’allora e di suoi sei amici.

In tutto questo, Pam, è riuscita, coraggiosamente, a superare il trauma, grazie all’aiuto dei suoi amici a 4 zampe, ed a fidarsi ancora della vita, passando attraverso vari amori. Dal matrimonio, il 19 Febbraio 1995 con Tommy Lee, il batterista dei Motley Crue, che aveva conosciuto solo 4 giorni prima, da cui sono nati due figli: Brandon Thomas Lee (nato il 6 Maggio 19996) e Dylan Jagger Lee (nato il 29 Dicembre 1997), i due divorziano tre anni dopo (1998), pur rimanendo vicini. Al 29 Luglio 2006, quando è la volta del cantante Kid Rock. Pare che la coppia avesse perso un figlio e successivamente avesse divorziato nel Novembre 2006. Il 6 Ottobre 2007 Pam sposa Rick Salomon, con una piccola cerimonia a Las Vegas. Successivamente i due hanno chiesto ed ottenuto l’annullamento del matrimonio per risposarsi nel 2014 e divorziare definitivamente il 29 Aprile 2015. Sembra che al momento Pamela stia vivendo un felice periodo accanto ad Adil Rami, ex calciatore del Milan, più giovane di lei di 18 anni.

Devo confessare che chiacchierando con Pamela Anderson ho scoperto, in questa donna prorompente ed indubbiamente vistosa, una donna di temperamento, simpatica, disponibile e di infinità bontà d’animo e generosità…Perchè oltre all’ involucro…c’è di più!

Pamela, a che punto è la tua vita oggi?

“Alla soglia dei 50 anni ho iniziato a sentirmi sola nella mia casa di Malibu…mi sentivo molto emotiva, suscettibile. Il rimedio? Primo: ho fatto le valigie e ho detto addio alla California per trasferirmi in Francia. Si sa che l’aria nuova fa sempre bene e, nel mio caso, ha fatto proprio benissimo. Secondo: un nuovo (giovane) amore, Adil Rami. Il nome non vi suona nuovo? Certo che no, perché è un ex calciatore del Milan.”

Tra di voi ci sono 18 anni di differenza. Trovi che con il tempo possa creare qualche problema?

“E cosa saranno mai? No, anzi, ritengo che proprio l’appartenere a generazioni diverse faccia benissimo al nostro amore. Lui non parla molto bene l’inglese, io non parlo molto bene il francese, ma ci capiamo con il linguaggio del corpo.

La maggior parte del pubblico ti ricorda nel ruolo della bagnina di “Baywatch”…ma hai un po’ di nostalgia per quei tempi?

“Mi considero un’attrice fortunata…quella serie televisiva mi dette molta popolarità.”

Tu lotti per i diritti degli animali ed hai dato vita ad una Fondazione che porta il tuo nome…ce ne parli?

“Sì, è vero. Io lotto per i diritti degli animali, perchè li amo in modo particolare. La PAF (Pamela Anderson Foundation), è dedicata ai diritti umani, animali ed ambientali, perchè sono convinta che siano tutti strettamente connessi tra loro. Dopo aver combattuto varie battaglie organizzate da altri (dalla PETA della mia amica Vivienne Westwood) in favore dell’Artico, delle specie in pericolo, le foche canadesi e gli allevamenti di polli della catena del KFC ed aver corso la maratona di NY a sostegno del fondo di Sean Penn pro Haiti, ora chiamo a raccolta i miei fidi. Un modo per ringraziare i miei amici animali dai quali sono stata “salvata” dopo una storia di abusi sessuali. Non ho avuto una infanzia facile, nonostante l’amore dei miei genitori; dai sei anni, sono stata molestata da una mia babysitter. Un episodio che, purtroppo, non finì quì, visto che a dodici anni sono stata stata violentata da un amico del mio ragazzo e, qualche anno dopo, addirittura da un gruppo di sette persone, compreso il fidanzato di allora. Decisamente non me la sono passata bene fidandomi degli esseri umani! La mia affinità con gli animali mi ha salvata, sono venuti da me naturalmente… Ho giurato di proteggerli… loro e solo loro. I miei unici amici finchè non ho avuto dei figli“.

Sei una donna molto sexy, provocante e meravigliosa, spesso ti sono stati attribuiti flirt con Stallone o Putin…ed hai anche avuto una storia con “l’Avvocato del Diavolo” Luca Di Carlo….Quanto c’è di verità?

“Con Putin ho cominciato ad avere contatti nel 2009, quando lo convinsi a vietare la caccia alle foche. Nel 2012 sono stata invitata per il suo insediamento come presidente della Federazione Russa, non sono andata… ma siamo stati nello stesso posto insieme molte volte… Confesso di avere un ottimo rapporto con la Russia. Luca Di Carlo è il mio uomo ideale, ha un grande cuore ed ha un temperamento molto passionale…fantastico…un play boy da sposare.”

Progetti futuri?

“Continuare ad amare ed aiutare gli animali e fare film…ed amare questa nostra terra.”

Chi vorresti salutare in Italia?

“Un grandissimo bacio alla mia amica Cicciolina.”

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*