Premio Anita Ekberg III edizione 2017.

Sara Iannone, la regina delle feste esclusive nella capitale, ha organizzato, come di consueto, la serata dedicata al prestigioso premio, tutto, contornato da maschere a tema hollywoodiano per salutare il Carnevale.

Roma. Palazzo Ferrajoli. Il nome evoca l’incanto, la bellezza, tempi passati. Al suo interno sale sontuose che ricordano i grandi balli a ritmi di valzer o polka. Quì, in effetti, il ‘profumo’ di rimembranze romantiche è rimasto immutato, quì, la regina delle feste esclusive di Roma, Sara Iannone, sa rendere al meglio, da tre anni a questa parte, il lustro, i fasti e la beltà del cinema con il suo importante “Cinema in festa”- Premio Anita Ekberg, istituito dall’associazione culturale “L’Alba del Terzo Millennio”, unitamente al Rotary club Roma Nord-Ovest. Il Premio Cinematografico ANITA EKBERG 2017 ideato e organizzato dalla stessa Sara Iannone è un evento culturale che accende annualmente i riflettori sulla dignità del lavoro artistico e la promozione dei giovani talenti italiani.

Ieri sera, Martedì Grasso, dalle 20.00, le magnifiche sale del Palazzo si sono riempite di damigelle, principi, marchesi, odalische…in un gioco di luci e colori meraviglioso. Difatti, e non a caso, la Iannone (vestitasi da Evita Peròn) ama organizzare la sua serata proprio nell’ultimo giorno di Carnevale, e quale modo migliore per salutare la festa più allegra dell’anno se non vestirsi a tema! Non uno qualunque. Quì il ‘dress code’ era Hollywood. Per una sera ciascuno ha potuto calarsi nei panni dell’attrice, dell’attore o del personaggio che più preferiva.

Ad iniziare la serata la sfilata di vip sul red carpet, tra i flash dei fotografi, e ancora foto nella Sala Rossa dove è stato allestito un set cinematografico per realizzare immagini e riprese suggestive e sentirsi attori per 10 minuti!

Colpisce ogni anno che negli eventi firmati Iannone, ogni particolare venga curato con attenzione, esperienza e creatività…Stile, eleganza, classe, selezione…il ‘marchio’ che la distingue. Sarà per questo che tante persone partecipano più che volentieri a questa serata irrinunciabile. Quest’anno, in particolare, sono intervenuti la stilista Zina Bensalem, l’attrice Maria Monsè, Nadia Bengala, il giornalista Attilio Romita, Metis Di Meo, il direttore d’orchestra Jacopo Sipari Di Pescasseroli, la giornalista Monica Setta, l’Onorevole Antonio Paris, Giulia Balajee e molti altri

Sara Iannone, inoltre, ha voluto dedicare questa iniziativa a tutti gli artisti con l’intento di esaltare, rafforzare e divulgare la difesa della dignità del lavoro artistico; un’idea che si inserisce nel progetto “…In Arte precario…” che fa parte delle iniziative della sua associazione ed è volto a sostenere, in modo innovativo, progetti importanti e ambiziosi dedicati tanto alla promozione dei nuovi talenti quanto agli artisti di fama.

Alle 21.00 si è dato inizio alla consegna del Premio Anita Ekberg, che Sara Iannone ha tenuto a precisare di volere fortemente! Tra i premiati Daniela Virgilio, Matteo Branciamore, Francesco Maria Dominedò…

E siccome non poteva mancare un premio a sorpresa, durante la festa una giuria in incognito ha scelto le tre maschere che meglio delle altre hanno saputo rappresentare il personaggio interpretato.

E non c’è festa che si rispetti senza una fantastica torta. Ma quì si sono fatte le cose in grande: una torta monumentale rappresentate l’icona Anita Ekberg.

E dopo tutti a scatenarsi nelle danze!

Gran bella serata…onore e merito a Sara Iannone che non delude mai!

Ora….aspetteremo la IV edizione e siamo certi che Sara continuerà a stupirci ancora!

Foto: Luigi Giordani

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*