Quando il mondo della moda si incontra con il mondo dei purosangue.

Una giornata di spettacolo del mondo dell’ippica e della moda, l'atteso appuntamento di Maggio, in cui i cavalli delle più importati scuderie hanno sfilato alternandosi agli abiti degli stilisti emergenti dell'Accademia Koefia, in un connubio di antica tradizione di stile ed eleganza.

Il vincitore del Derby Summer Festival
Una Domenica di sole, una giornata diversa dalle altre all’Ippodromo delle Capannelle, con i suoi spazi immensi, a ridosso dei Castelli romani ed a poca distanza dall’aeroporto di Ciampino, immerso nel verde, nella natura, e nelle gare di galoppo.
Proprio quì, ieri, Domenica 20 Maggio il mondo della moda si è incontrato con il mondo dei purosangue in occasione del 135° Derby Italiano Galoppo Sisal Matchpoint.
Una giornata di spettacolo del mondo dell’ippica e della moda, un atteso appuntamento di Maggio, in cui i cavalli delle più importanti scuderie hanno sfilato, alternandosi agli abiti degli stilisti emergenti dell’Accademia KOEFIA, creando insieme un unico e speciale spettacolo, in un connubio di antica tradizione di stile ed eleganza.
La sfilata degli studenti dell’Accademia KOEFIA per l’occasione ha presentato una selezione della collezione d’Alta Moda: “A DENIM COUTURE”.
Una sfida che ha visto gli studenti trasformare il tessuto da lavoro per antonomasia, in pregiato protagonista di bustini tout-cour, originali manteaux composti da mille intarsi, un denim tinto e arricchito da particolari sartoriali. Ogni capo è stato realizzato fedelmente a mano, nel carattere della migliore tradizione della moda italiana. L’Accademia KOEFIA negli anni ha sviluppato un metodo basato sulla costruzione del cartamodello sul manichino, metodo moulage francese. Dal 1951 l’Accademia KOEFIA prepara gli studenti, attraverso un triennio fortemente orientato, alla componente pratica del mestiere. Il percorso didattico è completo: dal progetto disegnato alla creazione del cartamodello; dal prototipo in tela sartoriale alla realizzazione dell’abito in tessuto con i criteri e le tecniche sartoriali dell’Alta Moda.
A coadiuvare i giovani stilisti emergenti, l’Accademia del Trucco Professionale e Gli Spettinati, un simpatico ed affiatato team, presente con le proprie professionalità ed esperienze, con un’esposizione dal vivo: un set di preparazione alla sfilata KOEFIA, di cui LF ringrazia particolarmente Luca Iannilli.
La regia della sfilata è stata affidata a Filena Ripa con il Sound Design Carlo Derossi.
La giornata del Derby anche quest’anno è stata nel segno dell’eleganza come nella migliore tradizione di Ascot, che ha visto protagonista il pubblico con un dress-code delle grandi occasioni e l’immancabile cappellino indossato dalle gentili signore, a completare l’outfit tipico di questi eventi.
Colore, musica e tante attività anche per i bambini che nell’area riservata, oltre che provare il battesimo della sella, hanno potuto fare divertenti passeggiate sui pony ed usufruire dei gettonatissimi gonfiabili.
Il giorno del Derby Italiano Sisal Matchpoint si è inoltre, tinto di rosa anche in pista con la Longines World Fegentri Championship for Lady Rider. Una corsa dedicata esclusivamente alle amazzoni inserita, per il decimo anno consecutivo, all’interno dell’ampio programma della giornata. Un appuntamento che suscita sempre grande interesse oltre confine, inserito nel calendario ufficiale del campionato mondiale amazzoni organizzato dall’International Federation of Gentlemen & Lady Riders (Fegentri).

A vincere l’edizione 2018 del Derby è stato Summer Festival, cavalcato da Cristian Demuro. Di proprietà della Dioscuri Srl. Summer Festival ha tagliato il traguardo fermando il cronometro a 2.17.1 lasciando dietro di se Henry Mouth (sempre di Dioscuri Srl) e Pierre Charles Boudot. La gara l’ha fatta fin dall’inizio Summer Festival, subito davanti: Demuro ha intelligentemente gestito l’andatura senza esagerare, per poi spingere a circa 150 metri dal traguardo per andare a tagliare il traguardo davanti al compagno di scuderia. Per Demuro questo è il terzo Derby vinto, il secondo consecutivo dopo il successo dello scorso anno su Mac Mahon. Terzo posto per l’attesissima Flower Party, cavalcata da Dario Vargiu. Flower Party era molto attesa, viste le sue ottime capacità ed i suoi precedenti successi. Arrivata da imbattuta al Derby, poteva finalmente riportare in rosa la massima corsa italiana, considerato che da 73 anni manca il successo di una femmina al Derby: nel 1936 fu Archidamia a vincere il Derby e ancora oggi si ricorda la sua incredibile prestazione. In gara, anche Lanfranco Dettori, in sella a Dark Acclaim, unico straniero in gara. La “star” italiana è arrivata al quarto posto.

Una Domenica tra buon cibo, bei vestiti e cavalli di razza.
Foto: Paola Agostini

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*