Roma Fashion White 2017.

Si è svolta, nello splendido scenario della Chiesa di San Paolo entro le Mura, la sedicesima edizione di un evento che è, ormai, quasi una tradizione, organizzato da Antonio Falanga e Grazia Marino.

Via Nazionale, Chiesa di San Paolo entro le Mura. Un luogo unico nel quale svolgere una sfilata di abiti da sposa e da cerimonia.

Anche quest’anno, all’interno della Chiesa, illuminata, dapprima, da luci nei toni sul blu, e rosso arancio, in seguito, si è svolto l’immancabile appuntamento romano “Roma Fashion White”. Grazie ad Antonio Falanga e a Grazia Marino, perfetti in questo appuntamento, del quale curano ogni dettaglio, abbiamo potuto ammirare giovani promesse in fatto di moda ed anche talenti già noti.

Sono partiti con i modelli delle gemelle Donato.

La passione per l’eleganza ed il gusto raffinato per uno stile sobrio, ma al tempo stesso ricco di particolari, sono da sempre la chiave del successo delle GemelleAntonella e Mariella Donato. Talento creativo e ricercatezza, questi gli ingredienti dei loro abiti, curati in ogni minimo dettaglio, per incorniciare la bellezza di ogni sposa che si accinge a vivere il giorno più importante della sua vita.

E’ stata poi la volta dell’Atelier di Barbara Montagnoli, che arriva dalla migliore tradizione italiana dell’alta sartoria per donna.
Giancarlo Montagnoli ha dato inizio a questa tradizione negli anni ’60, quando a Milano esplodeva la grande Moda con i più importanti brand che, ancora oggi, sono ricercatissimi all’estero per lo stile e la forte identità che hanno saputo costruire.
L’Atelier di sua figlia Barbara porta con sé questa tradizione, aggiungendo una nota di innovazione e di curiosità verso un mercato che, dagli anni 2000, è cambiato in modo rapidissimo e spesso radicale.
L’attenzione ai modelli, la sapiente capacità di prototipare e la scelta dei tessuti pregiati fanno dell’Atelier uno dei pochissimi luoghi di alta sartoria che, in Italia, sono sopravvissuti all’industrializzazione spinta del settore moda e si sono spostati verso il prêt à porter.
Protagonista del marchio Barbara Montagnoli è la donna, una donna molto attenta ai dettagli, ai materiali e al modo di porsi verso la vita sociale dei tempi moderni. Una donna che non si accontenta del momento in sartoria per il solo abito da cerimonia ma che decide di inserire un Barbara Montagnoli nel suo guardaroba perché è fatto solo per lei, su misura per lei.

 

Particolare ed innovativo il momento dedicato alla Sezione “Nuovi Talenti”. Un progetto ideato dalla brand manager Grazia Marino, che ha preso vita in questa edizione di “RomaFashion White”, rivolto alla promozione di nuovi fashion designer. L’intento è quello di presentare creazioni sartoriali innovative, sia per linee stilistiche che per ricerca di tessuti, dedicate al tema del “White”. La prima creatrice individuata e selezionata è stata Beatrice del Conte che ha presentato in passerella tre creazioni ispirate alla bellezza e all’armonia del fiore di Loto.

A seguire, Atelier Menì di Mauro Menichino. Nell’Atelier all’EUR di Roma, si confezionano abiti da sposa su misura tenendo conto di ogni piccolo particolare. Ogni anno si realizzano per decine di spose abiti dal taglio moderno, che valorizzano il corpo della sposa e ne migliorano tutta la silhouette per il giorno più bello. Nella progettazione del vestito da sposa vengono utilizzate le migliori stoffe, scegliendole non solo dal punto di vista estetico, ma pensando a come il corpo può esserne avvolto, decidendo di utilizzare un tessuto od un altro in considerazione della morbidezza o delle sinuosità. Dopo aver lavorato in grandi marchi di moda donna, quali La Perla, Mauro Menichino può essere considerato un fashion designer che conosce bene il corpo femminile e lo sa valorizzare con ogni suo vestito da sposa. Testimonial d’eccezione ieri, Alda D’Eusanio.

E’ stata poi la volta di Good Luck, non solo proposte per matrimoni religiosi, ma anche per contemporanei riti civili nuziali. Donne esclusive, eleganti, autentiche che cercano l’inscindibile connubio tra qualità e bellezza, non possono che vestire la linea “Smoking” di Good Luck. Blazer e pantaloni, gli elementi cardini degli outfits, ispirati ai canoni maschili, vengono rivisitati in chiave femminile e arricchiti da top elasticizzati realizzati in cristalli Swarovski, da indossare sempre e solo per appuntamenti charmant.

Anche una linea gioielli da non tralasciare mai per un’occasione speciale, quelli di Sefora DAISY Collection. La forma semplice ed evocativa della collezione “Margherite di Sefora ” vuole rendere omaggio allo spirito delle donne, alle loro energie, è un inno alla vita, alla forza dell’amore e a tutto quello che di semplice, puro, essenziale e, al contempo, raro e prezioso c’è, come … il matrimonio.

Dulcis in fundo, la sfilata da sogno dello stilista Gian Paolo Zuccarello. Diplomatosi come Maestro sarto presso l’Istituto “Artistico dell’Abbigliamento Marangoni” di Milano, dal 1996, realizza abiti esclusivi da sposa, cerimonia e prêt à couture. Gli abiti ideati, progettati e realizzati nell’atelier situato nel centro storico di Roma, in via Calabria 25,  sono realizzati interamente a mano da un’equipe di mastri artigiani, rispettando il rigore della classica tradizione sartoriale italiana. Ogni abito viene infatti ideato, visto e corretto per ogni singola donna affinché diventi un pezzo unico ed inimitabile, rispecchiando innanzitutto la personalità di colei che lo indossa, utilizzando solo ed esclusivamente tessuti di fibre naturali nati dalle mani dei sapienti e preziosi tessuti italiani.

Una serata magnifica, all’insegna della bellezza, della magnificenza…del White. Tutto con grande stile ed eleganza! ora aspetteremo con trepidazione la prossima edizione!
Foto: Luigi Giordani e Loredana Filoni

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*