Giuliano Legotta dei “Charly Moon” si racconta a LF MAGAZINE.

Giuliano Legotta, già intervistato sulle nostre pagine virtuali, nel Settembre del 2015, assieme alla sua band i “Charly Moon”, si è, ancora una volta, piacevolmente intrattenuto con noi, per presentarci il loro nuovo album, e….se stesso! Eh già…stavolta il giovane interprete ha “chiacchierato” della sua carriera…della sua vita…”in solitaria”!
Sono molto contenta di aver ridato spazio a questo cantante, un po’ per simpatia, per la competenza professionale, e per essere lui stato ospite, recentemente, di Florence International Radio. com, in cui curo anch’io uno spazio radiofonico ogni Lunedì pomeriggio. Incontro divertente, leggero, piacevole!
Giuliano è nato nel 1972 a Catanzaro. Ha iniziato a suonare la chitarra all’età di 18 anni seguendo in un primo momento la scia del Dark e poi successivamente quella del pop-rock melodico che ha portato con sè fino ad oggi. La sua prima esperienza con i concerti la fa con la band ” Fight for your relax ” dove esce il suo primo disco ” Only Stars “. Da qui iniziano i primi concerti con il suo gemello Fabio ( batterista della band ). Suonano con band importanti come i “Brutopop” ( che tutt’ora sono la base di Assalti frontali , famosa band Rap )
e i ” The Get Up Kids ” band statunitense formatasi a Kansas City.
Nel 2005 la band di Giuliano e suo fratello Fabio si scioglie, ma i due gemelli ( adottati dalla città di Roma dalla nascita ), continuano a comporre canzoni e nel 2007 fondano la band “Charly moon”, che porteranno avanti con tante peripezie fino ad oggi con il nuovo disco in uscita a Marzo 2016 dal titolo “Charly Moon” come il nome della band, per la prima volta tutto cantato in Italiano , visto che gli altri 4 album erano in Inglese.

I “Charly Moon” vengono fondati nel Gennaio del 2007 dai due fratelli gemelli ( Giuliano e Fabio Legotta ). Il loro è un genere pop-rock melodico stile Californiano fine anni 90.
Molti sono stati i concerti accompagnati dal tastierista Fausto Bisantis collaboratore della band fino ad oggi. Nel 2008 esce il primo Disco “My friend” con  il singolo “Butterfly” e, a distanza di un anno, il disco “Melodies in the hands”. Nello stesso anno partecipano a vari concerti ed eventi che segneranno anche un po’ le loro vite, due di questi, il concerto con i “The Kolors” a Milano nel locale le Scimmie, e l’altro, il concerto per L’ONU a Salerno. Vengono poi premiati l’estate successiva come miglior band al “festival di primavera” nella sala protomoteca del Campidoglio di Roma .
Nel 2012 entrano a far parte della band il chitarrista solista Marco Stocchi ed il bassista Alberto Carrani, nel frattempo il tastierista Fausto Bisantis torna a vivere in Calabria, ma resta attivo nelle partecipazioni come avverrà nei due dischi successivi : “20 million colors” nel 2012 e “Charly Moon” in uscita a Marzo 2016….
“Tra Marzo ed Aprile uscirà il nostro nuovo disco che si chiama proprio “Charly Moon” come la band” – ci ha raccontato Giuliano – “sei canzoni tutte in italiano. Per la prima volta abbiamo deciso di incidere tutto nella nostra lingua.”
“Come mai questa scelta?”
“Abbiamo pensato, visto che viviamo In Italia, di provare questa via. Il singolo “Se questo è un uomo”, tratto dall’album, e scritto con la cantante bolognese Valentina Mattarozzi è dedicato sia a Primo Levi che a tutte le persone private della propria libertà e dignità. Infatti è uscito il 27 Gennaio scorso nel giorno della memoria. E’ andato molto bene! Così abbiamo deciso di tentare questa esperienza.”
“Seguirà anche una presentazione dell’album?”
“La presentazione sta avendo già luogo in svariate radio, perchè con il singolo abbiamo la promozione dell’Atlantide records tramite Dario Riva che ci sta seguendo…stiamo uscendo anche su vari Magazine. Una data certa per il live è invece quella di Roma a fine Aprile al “Flapper Cabaret”.”
“Raccontaci un po’ le esperienze radiofoniche…”
“Sono stato a Firenze a Florence International Radio.com, e sono stato accolto benissimo, loro sono molto carini! Prima ancora siamo stati a Rete 104 a Lecco, una bella intervista durante la quale abbiamo proprio fatto il live acustico, subito dopo, a Infinity radio e lì ho citato tutti voi! Ieri sono stato intervistato a Radio 102.”
“Provi ancora una sorta di emozione quando ti esibisci?”
“Sì, sempre! Sia quando mi esibisco, sia quando vengo intervistato ed anche durante i concerti. E’ individuale e non si può controllare. Io poi sono piuttosto emotivo.”
“Un’arte, la tua, che ancora consiglieresti ai giovani?”
“Si certamente! Consiglierei ai giovani qualsiasi esperienza artistica, perchè avere una passione fa bene allo spirito, al cuore, fa stare meglio! A me la musica fa sentire bene!”
“Tu nel tempo libero, invece, che musica ascolti?”
“Io ascolto sempre il rock melodico, ma un po’ tutto…musica leggera, jazz blues, d’autore, sono un bagaglio culturale. Si può prendere spunto da altra musica.”
“Che tipo di ragazzo sei al di fuori della musica?”
“Ho 44 anni e devo dire che non me li attribuisce nessuno! Non me li sento proprio! Magari prima ero un tantino più “avventuriero”, andavo dappertutto, facevo più tardi la notte…non che mi senta stanco, ma ora il mio divertimento può essere anche una bella cena seguita da una passeggiata…roba da “vecchietto” insomma (ride n.d.r.). Mi sento un ragazzo tranquillo, che ama la serenità. Mi piace stare in sintonia sia con gli amici che con tutti coloro che mi stanno attorno.”
“Concludendo?”
“Più passano gli anni, più aumenta la passione per la musica! Speriamo che con questo nuovo album raccoglieremo qualche bel frutto!”
12246602_1232933450065733_2941617264245999689_n

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*