“Split”.

Presentato, in anteprima a Milano, il nuovo film di M. Night Shyamalan...affidato all'interpretazione di un incredibile McAvoy e a un mix di generi, con immancabile colpo di scena.

Anche se Kevin (James McAvoy) ha mostrato ben 23 personalità alla sua psichiatra di fiducia, la dottoressa Fletcher (Betty Buckley), ne rimane ancora una nascosta, in attesa di materializzarsi e dominare tutte le altre. Dopo aver rapito tre ragazze adolescenti guidate da Casey (Anya Taylor-Joy, The Witch), ragazza molto attenta ed ostinata, nasce una guerra per la sopravvivenza, sia nella mente di Kevin – tra tutte le personalità che convivono in lui – che intorno a lui, mentre le barriere delle le sue varie personalità cominciano ad andare in frantumi.
In una carriera che ha dimostrato coraggio e forse anche un po’ di autolesionismo M. Night Shyamalan ha sempre dimostrato di non rifuggire le sfide. Dopo un certo numero di insuccessi di pubblico e di critica, Split sapeva quasi di ultima spiaggia per il regista de “Il sesto senso”. Va a suo merito quindi l’aver trasformato un ritorno a casa e a territori più congeniali nell’ennesima dimostrazione di temerarietà nell’approccio allo storytelling. Da sempre noto per i colpi di scena nel finale, Shyamalan non si sottrae al proprio destino, confezionandone qui anche più di uno. Ma se l’epilogo finisce per mutare repentinamente registro e percezione generale del film, portando a rivederlo globalmente sotto un’altra luce, Split merita di essere valutato nel suo complesso, al di là dell’effetto sorpresa connaturato alla sua risoluzione.

Il film uscirà nelle sale il 26 Gennaio prossimo.

Foto: Nick Zonna

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*