Stefania Leggio: Una, mille e centomila.

Non guardo il passato, i progetti ci sono ci credo e spero di realizzarli e vivere la giornata con il sorriso, la forza e il coraggio.

Stefania Leggio è una donna che ha molto sofferto per il suo passato, ma che è riuscita a trovare la forza e il coraggio di andare avanti grazie alla sua volontà di ferro e alla sua fede. Oggi è una brava imprenditrice nel mondo degli eventi e guarda con positività al futuro.

Stefania, una, mille e centomila, ti può andare questa definizione e questa presentazione?

“Sì, una, mille e centomila è per me una grande definizione, oltre che un forza di vita e di coraggio, quello di una donna.”

Che donna ti consideri oggi?

“Oggi mi considero una forza di donna che ha superato il passato e vive il presente in maniera molto più morbida.”

E in passato che donna sei stata? Hai qualcosa da recriminarti?

“In passato sono sempre stata una donna buona e brava: mi recrimino di aver dato tanto e, a volte, non aver mai ricevuto “un grazie Stefy”.”

Quali pensi siano stati gli errori, sia a livello umano che professionale, che avresti potuto evitare e perché?

“L’errore a livello umano è quello di essere stata molto buona, mentre quello che avrei evitato è dare troppo a persone che non lo meritavano.”

Credi che si possa davvero imparare dagli errori?

“Si può imparare molto dagli errori ma quando nasci buona è tutto più difficile.”

Tu quando capisci di aver sbagliato? Sei capace di chiedere scusa?

“Io  quando capisco di aver sbagliato chiedo sempre e assolutamente scusa: per me è un diritto e un dovere.”

Credi che sia meglio vivere di rimpianti o, al fine di seguire i propri sogni, fare qualche pianto in più e avere qualche altra delusione?

“I rimpianti per me sono come il fuoco: si viene bruciati! Io seguirò sempre i miei sogni, mentre le delusioni della vita, ogni tanto, devono arrivare e sopratutto bisogna sempre affrontarle.”

Quale è stata la più grande delusione della tua vita e come sei riuscita a sconfiggerla e guardare avanti?

“La più grande delusione della mia vita è stato l’abbandono da parte del mio papà… Avevo 15 anni… E sono riuscita a sconfiggerla andando avanti e comprendendo che non tutti i papà al mondo sono come il mio.”

A proposito, dopo questo durissimo periodo per tutti, come si può guardare con un po’ di serenità al presente e soprattutto al futuro?

“Dopo questo durissimo periodo bisogna solo essere positivi e avere tanta forza per poter vivere sereni senza aspettarsi grandi cose, ma solo di alzarsi e ringraziare il Signore tutti i giorni per essere al mondo.”

Tu sei una persona che sia a livello professionale che privato, tende a fare progetti per il domani o vivere alla giornata senza andare troppo oltre?

“Io sono una donna che vive il presente: non guardo il passato! I progetti ci sono, ci credo, e spero di realizzarli e vivere la giornata con il sorriso, la forza e il coraggio.”

Per che cosa oggi ti senti di dirti “grazie” e perché?

“Grazie a me, grazie a me, e ancora, grazie a me, per essere caduta 10 volte ed essermi rialzata 11 #laforzadiunadonna.”

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*