Stefano Simondo…”romano d’adozione”!

Il versatile attore ligure, di origini irpine, si è impegnato nelle più svariate forme di spettacolo ed ora....sogna il cinema!

Stefano Simondo è un attore molto poliedrico….ha partecipato a numerosi spot pubblicitari sia italiani che per il mercato estero, ha avuto ruoli in altrettante fictions ed ha realizzato alcuni video-clip musicali. Non tutti sapranno che il lavoro, su questi ultimi, è piuttosto complesso, perchè occorre far combaciare i tempi recitativi con quelli  delle musiche. Comunque sono molto divertenti da vedere…c’è musica, atmosfera, clima “disteso”.
Abbiamo incontrato, tra un contrattempo e l’altro, Stefano, durante una sua pausa lavorativa. Simpatico, gioviale, attento e “puntuale” si è raccontato in quello che, a sentirlo, appare più come un piacere che un lavoro. Ha iniziato a lavorare a Milano, patria oltre che della moda, anche della pubblicità. Nato ad Imperia, ma di origini irpine da parte materna, ama molto questa regione e la sua gente.
Oltre che recitare, ha imitato egregiamente il “molleggiato”, Adriano Celentano, al “dopo-Festival” nel 2008, riprendendolo durante il programma “Quelli che il calcio” nell’edizione che vedeva protagonista Simona Ventura. Simondo, proviene da basi da comico, ma ha anche impersonato ruoli seri.
Ma lasciamo la parola a Stefano, contattato durante una sua “trasferta” nella penisola sorrentina! Ah….a proposito, a lui piace essere considerato un “romano d’adozione”!
“Dov’è nato?”
“Imperia, nel ponente ligure il 12 Gennaio del 1964.”
“Lei ha fatto pubblicità e fiction. Ce ne parla?”
“Ho iniziato nella pubblicità, i primi spot per note aziende alimentari e anche di vari prodotti noti al grande pubblico. Alcuni spot sono stati diffusi solamente all’estero quindi non sono usciti in Italia. Nelle fiction ho recitato in varie serie televisive voglio ricordare: “Vivere”, “Love Bugs”, “Medicina Generale”, “Butta la luna”, “I Liceali”, “Caterina e le sue figlie”, “E-Band”. Per quello che riguarda il cinema, due le pellicole entrambe di cultura e basate su storie vere: “Volevo solo vivere treno 8017 l’ultima fermata” e “La vera storia di Mamma Lucia.”
“A quali trasmissioni televisive ha partecipato?”
“Il Dopofestival 2008 ero un Celentano nella sigla insieme a Elio e le storie tese, Quelli che il calcio condotto da Simona Ventura, nella puntata andata in onda nel lontano 9 Marzo 2008 imitavo il molleggiato. A UnoMattina ho impersonato Humphrey Bogart una sorta di siparietto con Eleonora Daniele e Cinzia Tani.”
“Se non sbaglio lei ha anche realizzato dei video-clip. Che esperienza è stata?”
“Bella e divertente, un video musicale è un set gioioso, piacevole. Nel video di Bugo dal titolo Che lavoro fai ho vestito i panni di arbitro. Ero il papà che fa ritorno a casa nel clip di Lory intitolato Ci sei tu.”
“A cosa sta lavorando attualmente?”
“A breve un progetto… non dico nulla per scaramanzia…..”
“Sogni nel cassetto?”
“Un ruolo al cinema, sul grande schermo.”
“Concludendo?”
“Grazie per la bella intervista! Stefano Simondo, romano d’adozione.”


 

 

3 Commenti su Stefano Simondo…”romano d’adozione”!

  1. Daje Stè!

  2. Un grande attore!!! 🙂

  3. Gerardo Romaniello // 21 luglio 2018 a 18:37 // Rispondi

    Complimenti Stefano. Sei bravissimo !!! Roma dovrebbe esserne fiera per questa adozione !

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*