Stella Abrera e Robert Fairchild in “Apollo” – Pas de deux.

In occasione del "Les Étoiles Gala Internazionale di Danza" a cura di Daniele Cipriani, i due ballerini, esibitisi per la prima volta insieme, hanno deliziato il pubblico in una armoniosa coreografia di George Balanchine.

La coppia, Stella Abrera e Robert Fairchild, entrambi provenienti dagli Usa, per la prima volta sul palco insieme in occasione de “Les Étoiles, gala internazionale di danza” a cura di Daniele Cipriani, ha danzato in una rigorosa interpretazione in bianco di un neoclassico, “Apollo”.

Apollo è un balletto suddiviso in due tableaux, composto tra il 1927 e il 1928 da Igor Stravinsky. Fu coreografato nel 1928 dal ventiquattrenne George Balanchine, con il compositore che contribuì al libretto. Le scene e i costumi sono stati disegnati da André Bauchant, con i nuovi costumi di Coco Chanel nel 1929. La scenografia è stata eseguita da Alexander Shervashidze, con costumi sotto la direzione di Mme. A. Youkine. La mecenate americana Elizabeth Sprague Coolidge aveva commissionato il balletto nel 1927 per un festival di musica contemporanea che si sarebbe tenuto l’anno successivo presso la Library of Congress di Washington, DC.

La storia è incentrata su Apollo, il dio greco della musica, che viene visitato da tre Muse: Tersicore, musa della danza e del canto; Polyhymnia, musa del mimo; e Calliope, musa della poesia. Il balletto prende come soggetto l’ antichità classica, sebbene la sua trama suggerisca una situazione contemporanea. Si occupa della reinvenzione della tradizione, poiché la sua ispirazione è barocca, classica o addirittura post-barocca /rococò /galante.

Viene eseguito per orchestra da camera di 34 strumenti ad arco.

Il pas de deux, di Apollo e Tersicore, nello specifico, è stato definito il culmine melodico-lirico del balletto. Lo è sicuramente anche dal punto di vista della coreografia con un avvicinamento progressivo dei due personaggi che, partendo dallo sguardo, man mano che entrano i diversi strumenti, arrivano a tenersi per mano.

Sul ritmo dato dal pizzicato dei violini, si alternano gli arabesque penchée della musa e la camminata alla “Charlot”. Su questo ritmo Tersicore viene fatta scivolare in spaccata a terra, per poi essere risollevata in arabesque.

Sullo stesso ritmo Apollo esegue dei demi-tours con la musa sollevata. Tersicore riempie lo spazio tra la lunga e l’inizio della breve (come fanno i pizzicati dei contrabbassi) con movimenti delle braccia.

Sugli accordi finali vediamo il formarsi dell’ultima figura di questo pas de deux. I due ballerini sono in cambré e Apollo accoglie Tersicore nel suo arco, formando, con lei, un’unica figura.

Stravinsky ha scritto per un insieme omogeneo di strumenti ad arco, sostituendo i contrasti dinamici ai contrasti timbrici impiegati in Pulcinella. Il balletto si ispira alla grande tradizione della musica francese del XVII e XVIII secolo, in particolare quella di Lully, fonte a cui Stravinsky tornò quando compose Agon nel 1957.

Il prologo inizia con ritmi puntati nello stile di un’ouverture francese. Il lavoro si basa su una cellula ritmica di base, presentato all’inizio del lavoro, che Stravinsky trasforma per suddivisioni di valori successivi che diventano sempre più complessi. Stravinsky ha rivisto leggermente la partitura nel 1947. Nel 1963, ha voluto apportare ulteriori modifiche.

In accordo con i desideri di Stravinsky, lo stile di danza era essenzialmente classico, e Stravinsky pensava che “Apollon musagète” fosse un balletto bianco, cioè vestito nel tradizionale bianco minimale. Balanchine in seguito ha detto che quando ha ascoltato la musica di Stravinsky, tutto ciò che poteva vedere era un bianco immacolato. La chiarezza, la calma, persino la serenità della musica la fanno sembrare infinitamente lontana dalla vivace eccitazione dei primi balletti di Stravinsky. L’evitamento di qualsiasi conflitto nello scenario, di qualsiasi intento narrativo, psicologico o espressivo, è stato ulteriormente accompagnato dai costumi monocromatici per i ballerini e dall’assenza di elaborate scene sul palco.

Gli scenari e i costumi per la produzione di Balanchine erano dell’artista francese André Bauchant. Coco Chanel fornì nuovi costumi nel 1929. Apollo indossava una toga rielaborata con un taglio diagonale, una cintura e allacciata. Le Muse indossavano un tutù tradizionale . La decorazione era barocca: due grandi gruppi, con alcune rocce e il carro di Apollo. Nella danza riemerse un certo accademismo nello stiramento e nel salto verso l’alto del corpo, ma il Balanchine piegò gli angoli delle braccia e delle mani per definire invece il genere del balletto neoclassico.

Lo scenario prevedeva la nascita di Apollo, le sue interazioni con le tre Muse, Calliope (poesia), Polyhymnia (mimo) e Tersicore (danza e canto) e la sua ascesa come dio al Monte Parnaso.

Per un revival con Mikhail Baryshnikov come Apollo nel 1979, ha anche omesso la prima variazione di Apollo e ha ri-coreografato il finale del balletto. Questa revisione si è conclusa non con l’ascesa di Apollo al Monte Parnaso, ma piuttosto con lo spostamento del tableau “pavone” delle Muse in arabeschi di altezza crescente accanto ad Apollo, che originariamente era avvenuto leggermente prima, fino alla posa finale. Nella messa in scena del 1980 per il New York City Ballet , la prima variazione di Apollo fu restaurata.

Suzanne Farrell ha restaurato la scena della nascita per la sua compagnia nel 2001, così come Arthur Mitchell per la sua performance al Dance Theatre di Harlem al Symphony Space ‘s Wall to Wall Balanchine in concomitanza con il centenario Balanchine del City Ballet e Iain Webb per The Sarasota Ballet ‘s Tribute to Performance di Nureyev nel febbraio 2015 (messa in scena da Sandra Jennings).

Balanchine accorciò il titolo ad Apollo negli anni ’50, cosa che lo stesso Stravinsky preferì. Nonostante il collegamento greco Balanchine-Stravinsky comunemente considerato a causa del successivo lavoro di Balanchine con le partiture di Stravinsky in Orfeo e Agon, la musica per Apollo fu commissionata dalla Biblioteca del Congresso. Orpheus può essere considerato un sequel di Apollo, ma Agon è un balletto formale senza trama il cui titolo in greco evoca una gara.

Paola Sarto
Foto: Massimo Danza

 

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*