“Tulipani di Seta Nera-XI Edizione”.

Durante una nutrita Conferenza Stampa Rai, svoltasi presso il suggestivo "Zodiaco" di Roma, è stata presentata la più famosa rassegna di cinema sociale. LF ha intervistato, per voi, la Presidente Elisa Costanza e la presentatrice Serena Gray.

Il Festival Internazionale del Film Corto “Tulipani di Seta Nera” è una rassegna di cortometraggi ideata da Paola Tassone con la partnership di Rai Cinema Channel. Il Festival nasce con lo scopo di raccontare la diversità, in ogni sua forma, attraverso le immagini. L’idea è quella di aprire, grazie al cinema, uno spiraglio sull’unicità di ognuno. L’obiettivo degli organizzatori è dunque di promuovere il lavoro di giovani autori che, con le proprie opere, raccontano “non la semplice storia di una diversità, ma l’essenza della diversità stessa, sapendola soprattutto valorizzare”. E lo scopo della manifestazione è quello di far sì che la diversità sia vista nei suoi molteplici aspetti positivi lasciando in tutti coloro che vi parteciperanno non solo uno spunto di riflessione ma anche un arricchimento culturale. Grazie all’ingegno dei giovani autori in gara con i loro cortometraggi si può così creare una nuova società solidale, dove la macchina da presa diventa il mezzo attraverso il quale filmare le coscienze dei giovani e di tutte le persone, portatori sani di cultura, indirizzandole verso un cammino concorde e senza pregiudizi, facendo leva sulle nuove generazioni, che diventino così una comunità sensibile, solidale ed integrata.
L’impegno degli organizzatori del Festival è quello di esaltare le opere e la creatività dei registi cercando, come già avvenuto nelle scorse edizioni, di permettere la messa in onda, nel palinsesto di Rai Uno, di alcuni cortometraggi, per divulgare la “diversità” al grande pubblico della Rai.
Durante le due giornate di rassegna, che si svolgeranno al Cinema “Quattro Fontane”, presentate dalla conduttrice Metis Di Meo, saranno proiettati i 17 cortometraggi finalisti selezionati da una Giuria formata da Caterina D’Amico, Carlo Brancaleoni, Paolo Genovese, Laura Bortolozzi, Valeria Milillo, Nino Celeste e Vince Tempera.
Le opere finaliste saranno votate dalla Giuria di VariEtà presieduta da Elisa Costanza, coadiuvata da Catello Masullo, Paola Dei, Franco Mariotti e Massimo Nardin. Giuria composta da esponenti di cinema, spettacolo, professionisti e membri del terzo settore. Al termine delle proiezioni saranno consegnati i premi tecnici.
Sabato 28 Aprile, inoltre, verrà presentata, dopo la categoria dedicata ai cortometraggi, quella relativa ai #SocialClip, condotta da Serena Gray. I sette videoclip finalisti, scelti dal Direttore Musicale del Festival Vince Tempera, concorreranno alla vittoria del premio “Premio Miglior #SocialClip”, riconoscimento assegnato dalla Giuria #SocialClip preseduta dallo stesso Maestro Tempera e composta da Sara Galimberti, Michelle Marie Castiello, Riccardo Di Pasquale e Francesco Tosoni.
Durante le due giornate al Cinema Quattro Fontane, oltre alle proiezioni ufficiali verranno proiettati “Piccoli Angeli Guerrieri del Mondo “ di Marco Forti, “Senza … Peccato” di Marco Toscani, “An Heart In The Drawer” di Roberto Leoni, “Duchenne” di Gilles Rocca, “Abbattiamo I Luoghi Comuni“ di Fabian Grutt ed infine “Resilienza” di Paolo Ruffini, tutti cortometraggi fuori concorso che meglio hanno saputo trattare, ognuno a modo proprio, il tema della “diversità”. Oltre alle opere fuori concorso verrà organizzata una Tavola Rotonda dedicata al “bullismo” e al “cyberbullismo” e sarà proiettato il lungometraggio “Nato a Casal di Principe” di Bruno Oliviero, al cinema dal 25 Aprile.

Domenica, infine, via al Gran Galà. Il 29 Aprile, presso il Teatro Olimpico, si terrà la serata di premiazione. Tra i riconoscimenti da assegnare, quello per il “Premio Miglior Film Corto”, per il “Premio Miglior Sorriso Nascente” all’opera prima, per il “Premio Sorriso di VariEtà” assegnato dalla rispettiva Giuria durante le due giornate di proiezioni e per il “Premio Sorriso Rai Cinema Channel” assegnato a uno dei 31 cortometraggi selezionati da Rai Cinema e maggiormente visualizzati nella piattaforma web Rai. Saranno inoltre assegnati i premi speciali “Sorriso Diverso” ed i riconoscimenti “Testimonial del Sorriso Diverso” ad attori, attrici e personalità legate al mondo dello spettacolo che hanno dedicato o stanno dedicando la loro interpretazione artistica e la loro attività professionale al valore positivo della diversità. Tra i premiati di questa undicesima edizione figurano Sandra Milo, Francesco Pannofino, Bianca Guaccero, Giovanni Caccamo, Mirkoeilcane, Ricky Memphis, Antonia Liskova, Silvia Salemi e Antonio Giuliani. Verranno altresì premiati due lungometraggi che con la loro trama hanno maggiormente colto l’essenza del Festival, ovvero “Sconnessi” di Christian Marazziti e “Gramigna” di Sebastiano Rizzo, alla presenza dei rispettivi cast. La serata di gala sarà condotta da Metis Di Meo e Franco Di Mare, affiancati dalla madrina Myriam Catania e dal padrino Paolo Ruffini. Entrambi hanno sposato con entusiasmo il progetto del Festival in questa undicesima edizione.

Come per le precedenti edizioni anche quest’anno l’Ente Nazionale Sordi – Onlus garantirà il servizio di interpretariato LIS per tutta la durata della manifestazione.

Uno degli sponsor di questo Festival è la “Born To Fly Network”, quì, nella persona della Presidente di giuria Elisa Costanza, a cui abbiamo rivolto qualche domanda per parlarci di questa realtà. Nata nel Novembre 2009 dall’idea di un gruppo di persone che voleva, con forza, distinguersi nell’ambito del Network Marketing, “Born To Fly Network” ha l’esigenza di accomunare tutte le persone in un unico scopo di crescita personale ed economica, crescita sostenuta dall’unione e dal rispetto di sè stessi e degli altri.

30729261_1696861690353137_617795916992086016_o

Elisa Costanza, ci parli di questa sua veste da Presidente nell’ambito del Festival “Tulipani di Seta Nera”?

“E’ stato un incontro casuale che abbiamo sposato immediatamente. Un po’ perchè tratta un argomento che è molto attuale, quello dell’integrazione, e poi perchè la mia azienda è sempre in prima linea quando si parla di iniziative che interessano il sociale. “Born To Fly Network” nasce come network marketing ma in realtà si interessa di realizzare i sogni della gente che ne fa parte. Siamo una grandissima associazione di consumatori, più di quattromila oggi in Italia. L’ultima iniziativa che abbiamo realizzato è una scuola di calcio gratuita per bambini che inizierà il suo lavoro a Settembre…Abbiamo già una polisportiva che si occupa di Atletica, abbiamo una radio web ed anche un circuito di affiliazioni per i punti vendita che fa guadagnare i nostri associati e fa risparmiare tutti i nostri clienti. In realtà siamo pieni di iniziative e siamo sempre pronti al cambiamento. “Tulipani di Seta Nera” ci riconosce un po’ in questo, perchè innanzitutto dà visibilità ai giovani, è importantissimo oggi dare l’opportunità, a chi non riesce, di realizzare i propri sogni.”

Com’è avvenuto l’incontro?

“L’incontro è avvenuto grazie ad Antonella Filoni, che ci ha presentati…era una realtà che non conoscevo, e di questo me ne scuso, perchè comunque era già importante. Il fatto dei cortometraggi è una cosa positiva perchè dà luce a questi giovani artisti che riescono a trattare temi così difficili. Non vedo l’ora di vederli tutti, e anche di premiare quello che rimarrà nei criteri di valutazione di tutti noi giurati. Tra l’altro, la giuria di VariEtà è composta da persone che fanno parte del mondo del cinema e dello spettacolo ovviamente, ma anche da una rosa di studenti, accuratamente selezionati, che rappresentano il mondo e l’Italia di oggi che sicuramente contano più di noi. Noi poi daremo il Premio Sorriso Diverso che andrà a colui che sarà riuscito a coniugare un percorso di integrazione con questo tema che è al centro di tutto il Festival, l’integrazione ha diversità.”

Progetti futuri?

“I nostri progetti futuri sono tantissimi. Innanzitutto, allargare il numero dei nostri associati. La nostra è una iniziativa gratuita a cui tutti possono iscriversi. Noi abbiamo un sito internet, siamo un piccolo Amazon, anche se non mi piace fare pubblicità ad altri colossi che non ci appartengono…l’idea però non è solo quella di commercializzare guadagnandoci soltanto noi, ma di ridistribuire questi guadagni che sono stati fatti grazie al fatturato di beni e servizi che noi tutti avremmo consumato, all’interno della nostra associazione ed all’interno delle iniziative che creiamo anno dopo anno…Siamo in piedi da soli tre anni ed abbiamo già organizzato varie iniziative, e mi auguro di farne molte altre ancora. Anche il mondo dei bambini sarà una realtà a cui ci avvicineremo molto. Non a caso, questa scuola calcio gratuita che a Roma non esisteva.”

Vuole lasciarci il vostro indirizzo web?

“Si certo: www.borntoflynetwork.it e poi grazie ai nostri associati potrete iscrivervi e comperare a prezzi scontatissimi, far parte delle nostre iniziative in prima persona…abbiamo vari settori di cui tutti possono diventare responsabili, non siamo un’azienda chiusa, ma anzi, sempre all’avanguardia…teniamo in considerazione tutte le richieste che ci vengono fatte dalla nostra rete commerciale. Qualsiasi idea, iniziativa, siamo sempre pronti a finanziarla! Non ci credevamo neppure noi, ma in questi tre anni ne abbiamo fatte tante di cose!”

La parola passa ora a Serena Gray:  27332397_10213507926790101_1933990134335112368_n

Serena Gray parlaci di questa tua partecipazione al Festival “Tulipani di Seta Nera”.

“Diciamo che io ho iniziato come spettatrice qualche anno fa…ho avuto la fortuna di essere inserita all’interno della Giuria di VariEtà, poi sono stata anche Presidente di giuria. La mia carriera è partita come speaker radiofonica e quindi ho lanciato l’idea della Social clip, perchè la musica mi ha sempre affiancata nelle mie varie attività. Trovo molto importante questo aspetto all’interno del Festival del cortometraggio, in quanto la musica è sempre stata la prima forma di dialogo tra i popoli, prima ancora della parola, si capivano con i suoni…penso che la musica sia la colonna sonora della vita di tutti i giorni, quindi perchè non inserirla in una sezione così importante…! Fra l’altro il “social video clip”, come lo abbiamo denominato, racconta veramente uno spaccato di vita, spesso le canzoni sono una forma di protesta che viene raccontata attraverso delle immagini, attraverso la musica…è quella cosa che ci fa capire ancora di più cosa non va nella nostra società. Sono varie le tematiche trattate in questi video clip scelti per questa edizione, la undicesima, un numero personalmente importante, l’11 è il mio numero, e sarà sicuramente un grande successo! Si parlerà di varie tematiche…da questa era così legata al web che spesso mette da parte quelli che sono i veri valori…si parlerà di bullismo, di violenza sulle donne, di solitudine, tutte tematiche che, purtroppo, ci accompagnano ogni giorno. Quindi invito a seguire tutta la manifestazione dei corti ed a concentrarsi sulla parte musicale, qualcosa che ci accompagna da quando ci alziamo al mattino fino a quando andiamo a dormire la sera. Sono 4 anni che lo presento e di questo vorrei ringraziare la dottoressa Tassone e tutto questo gruppo che è un po’ come una grande famiglia…Evviva i Tulipani!”

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*