Una serata…#Social:-) MentePericolosa!

Al Teatro Petrolini di Roma, fino a Domenica 17 Dicembre, si ride con questa commedia scritta a quattro mani da Francesca Berger e Salomè da Silva che mette a nudo, sempre in chiave umoristica, le innumerevoli sfumature dei Social e di Internet in genere.

Facebook… Twitter… Google+…WhatsApp…Istagram e chi più ne ha più ne metta!
Da quando è esploso il boom dei social network, il mondo sembra essersi riempito di “amici” e contatti, dando spesso la sensazione di essere meno soli…già, appunto, la sensazione! Selfie, fake, l’illusione di poter costruire un amore che, però, sempre virtuale resta e la consapevolezza sempre crescente di non riuscire a distaccarsi da quegli aggeggi infernali che ci hanno cambiato totalmente la vita! Fateci caso, anche in teatro, al cinema, al ristorante, si vedono numerosi, coloro che non staccano quasi l’occhio dal cellulare, come fosse una dipendenza, un oggetto irrinunciabile.
Prendendo in prestito una famosa frase che andava di moda qualche anno fa, “la domanda sorge spontanea”: i rapporti virtuali sono davvero in grado di sostituire una solida rete di amicizie fatte di incontri, gesti, sguardi e parole?
Vedendo questo spettacolo #Social:-) Mente Pericolosa, che ha debuttato Martedì 12 Dicembre al Teatro Petrolini di Roma e si replicherà fino a Domenica 17, ci addentriamo in vari siparietti messi brillantemente in scena da Salomè da Silva, figlia di Francesca Berger e del notissimo calciatore Batista (João Batista da Silva) …Così, in un crescendo di risate ed applausi a scena aperta, si alternano personaggi della vita di tutti i giorni, dalla soubrette, alla donna delle pulizie, dalla borgatara fake, alla ragazza pugliese (personalmente ho trovato questa interpretazione semplicemente fantastica!), fino ad arrivare ad un balletto davvero intrigante sulle note di Alejandro di Lady Gaga.
Scritto a quattro mani dalla Berger e da Salomè, risultata uno spettacolo divertentissimo che prende in giro con questi caratteri da farsa, i social ed i loro meccanismi quasi perversi, ma anche una cascata di dialetti delle nostre regioni e di accenti stranieri che ci hanno appassionati particolarmente. Passando dal selfie ognuno si sente più simile a se stesso, ed all’immagine di se che vuole dare agli altri…si perde di vista la realtà vera, gli incontri e tutto diventa virtuale.

Salomè dimostra di essere portata per il teatro, nonchè per il balletto. La ragazza emergerà di certo. Sa far ridere con la sapienza di una donna matura…E far ridere non è certo cosa semplice come si potrebbe pensare, tutt’altro! Ho sempre ritenuto che sia più complicato suscitare ilarità che lacrime, ed in questo Salomè ha adempiuto in pieno al suo ruolo. Brava attrice, anche colta, umile e disponibile. Salomè da Silva, si cala letteralmente attraverso i vari monologhi, in tempi brevissimi, nelle vesti di un assemblage di caratteri femminili stravaganti e paradossali, che, come con un telecomando, cambiano velocemente luogo e tempo, come sta appunto accadendo nella società mondiale, dove ormai connettendosi alla rete, si accede ad un universo senza tempo né con uno spazio definito.

Sempre sorridendo e con grande ironia, la regista Francesca Berger, ha voluto far comprendere con estrema leggerezza le direzioni che si intraprendono con l’uso smodato dei social network e le annesse dipendenze da disconnessione, mettendo in evidenza l’insorgenza di una serie di atteggiamenti e comportamenti atipici che tutta la società sta facendo sempre più proprie, confondendo la realtà che vive veramente, con quella più assurda che è appunto la virtuale.

All’interno della farsa irrompono dei veri e propri cortometraggi, e canzoni interpretate dai due giovanissimi Matteo De Nunzio e Lorenzo Angelone.

E dopo lo spettacolo la serata è proseguita nel Salotto Palatino restaurant e Jazz Live, in Via Dei Cerchi 79, un luogo confortevole dove degustare piatti espressi ed ascoltare buona musica.

Tanti gli amici accorsi per la Prima: Gianluca Ansanelli regista, contessa Patrizia de Blanck,l’imprenditrice Annamaria Zingaretti, il regista Luigi Russo, lo scrittore Antonello Altamura, Luca Martella in giro con ”Sulle orme del signor G”, il produttore Marco Marcelli, la giornalista Loredana Filoni, l’art curator Chiara Ferrara, il regista Andrea Natale, il direttore di doppiaggio Lorenzo Accolla (figlio del grande doppiatore Tonino Accolla), Andre Garofalo, il sound editor Edoardo Verde, l’attore Gianni Macchia, Matteo De Nunzio, Maria Monsè, il giornalista Fabrizio Pacifici, Lorenzo Angelone, il regista Riccardo Ferrero, lo scrittore e giornalista Niky Marcelli, Grazia Mele, Domenico Sacco.

1 Commento su Una serata…#Social:-) MentePericolosa!

  1. Quando si è grandi dentro…si è grandi fuori 🙂

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*